05 Febbraio 2023 - Aggiornato alle 09:31
CRONACA

Napoli: Capodanno, emergenza day after. Sembra che la città sia uscita da un bombardamento - VIDEO

01 Gennaio 2023 16:32 — Borrelli (Europa Verde): “Pochi provvedimenti concreti contro uso piratesco di botti illegali e rispetto spazi  pubblici”.

Napoli fa i conti con l’emergenza day after al termine della notte di capodanno 2022. La città si presenta in condizioni pietose e intrisa di inquinamento, a cominciare dalle tonnellate di rifiuti lasciate in ogni angolo di strada per finire all’aria resa irrespirabile dai fuochi d’artificio sparati all’impazzata durante la notte. I botti hanno anche causato una fitta nebbia che ha avvolto la città e la sua provincia. Non sono mancati gli incidenti stradali dovuti proprio alla visibilità praticamente inesistente in alcuni tratti di strada. che ha ricevuto centinaia di segnalazioni. Centinaia le segnalazioni che ha ricevuto il deputato di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

“Stamattina Napoli sembrava uscita da un bombardamento. Residui di batterie e fuochi d’artificio di ogni genere sono stati abbandonati lungo le strade. Le stesse strade che i soliti incivili hanno bloccato fin dal pomeriggio del 31 dicembre per esplodere le proprie botte illegali. Botte che hanno poi reso l’aria irrespirabile. Già poco dopo la mezzanotte tutta la provincia di Napoli è stata inghiottita da una fittissima coltre di fumo che ha fatto schizzare alle stelle i livelli di inquinamento.

Un fumo così denso che ha creato una nebbia impenetrabile, causa di alcuni incidenti stradali e notevoli disagi alla circolazione con rallentamenti anche sulla tangenziale di Napoli. Cosa dire del Lungomare, trasformato in poche ore in una discarica a cielo aperto come testimoniamo le imbarazzanti immagini registrate alle prime luci dell’alba e anche oltre le 9 del mattino.

Cassonetti dati alle fiamme e incendi divampati anche sui balconi delle abitazioni private a causa degli incosciente che hanno esploso i propri fuochi pirotecnici contro i palazzi. Solo per miracolo non si sono registrati incendi di entità più grave. Per non parlare delle lanterne cinesi che hanno creato danni e inquinamento ovunque. Ogni anno mi chiedo cosa hanno a che fare i festeggiamenti di fine anno con l’inciviltà, ma ancora non trovo una risposta.

Dai bagordi di una notte resta una città martoriata, sporca e maltrattata. Il capodanno è un’occasione di festa e divertimento, ben vengano le iniziative per il rilancio della città come la festa di piazza del Plebiscito o quelle al Lungomare, ma vanno assolutamente regolamentate e gestite con buonsenso non solo da parte delle istituzioni ma anche da parte della cittadinanza. Servono provvedimenti concreti che contrastino l’uso piratesco dei fuochi d’artificio e che consentano di mantenere il decoro pubblico anche durante eventi di tale portata. Un plauso va sicuramente agli operatori dell’Asia chiamati oggi a un lavoro straordinario e anche pericoloso, dati i tanti fuochi inesplosi abbandonati in strada”. Queste le parole di Francesco Emilio Borrelli, deputato di Alleanza Verdi- Sinistra.

La notte di San Silvestro se vissuta con sregolatezza può essere molto insidiosa. Forti disagi alla viabilità sono stati provocati dal fumo dei tantissimi fuochi d’artificio esplosi che, insieme al tasso di umidità, hanno avvolto la città in una fitta e densa nebbia. Non sono mancate code e tamponamenti,  sulla tangenziale quanto sulla circumvallazione le auto sono state costrette a fermarsi. Una cappa bianca ha determinato il peggioramento della qualità dell’aria, con elevati picchi di polveri sottili. E’ evidente che occorrono provvedimenti fitti e concreti contro l’utilizzo dei fuochi illegali. Cosa dire del Lungomare, le immagini alle prime luci dell’alba imbarazzano. E’ un’indegna pattumiera. Cosa hanno a che fare i festeggiamenti di fine anno con l’inciviltà? Ahimè, spesso accade che l’euforia allenti i freni dell’autocontrollo e del rispetto, peraltro, il Lungomare è il biglietto da visita della città, un luogo di pregio. Dunque ben vengano le occasioni di divertimento, ottime le iniziative per il rilancio di Napoli che ha tanto da offrire ai visitatori ma vanno assolutamente regolamentate e gestite con buonsenso, se esiste il ‘day after’ c’è il rischio che si trasformi in un boomerang”. Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, deputato di Europa Verde.

Link al video:  https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/494516696143573

01 Gennaio 2023 16:32 - Ultimo aggiornamento: 01 Gennaio 2023 16:32
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi