13 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 19:50
CRONACA
Napoli: Carabinieri sequestrano armi, munizioni e quasi 110 mila euro in contante
27 Novembre 2017 10:53 —

A Sant’Antimo, i carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna e della compagnia di Giugliano hanno denunciato per riciclaggio un 50enne ritenuto appartenente al clan “Verde”, operante in quel comune, sorpreso in possesso di 55.600 euro in contante nascosti in cassaforte. Denunciato anche il figlio 29enne del capo di uno clan operanti a Sant’Antimo, attualmente al 41 bis, per aver installato nella sua abitazione, dove è sottoposto ai domiciliari, un impianto abusivo di telecamere a circuito chiuso con cui anticipare i controlli delle ffoo e altre visite indesiderate. A Caivano, infine. i  Carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna e della compagnia di Casoria hanno arrestato un 25enne del luogo per detenzione illegale di armi e munizioni, Pasquale Falco che nascondeva in un armadio di casa un fucile browning, una pen-gun calibro 22 e 64 cartucce di vario calibro. Nel corso di un’altra perquisizione i militari hanno denunciato per riciclaggio e detenzione illegale di cartucce una disoccupata 40enne del luogo trovata in possesso di 43mila euro in contante occultati nel mobiletto del bagno e 3 cartucce per arma corta.

27 Novembre 2017 10:53 - Ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2017 10:53
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi