29 Novembre 2022 - Aggiornato alle 16:51
CRONACA

Napoli: Carcere di Poggioreale, Borrelli incontra Di Giacomo - VIDEO

19 Ottobre 2022 12:00 — “Sempre stati contrari alla nomina di Ioia. La situazione carceri continua ad essere drammatica e questa vicenda lo conferma".

Nella mattinata odierna, dopo l’arresto di Pietro Ioia, garante comunale di Napoli dei detenuti, il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli ha incontrato il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria S.PP. Aldo Di Giacomo per fare il punto sulla situazione carceri.

“Sin dall’inizio eravamo fortemente contrari alla nomina di Ioia, anche quando tutti tacevano, e questo lo abbiamo pure ribadito all’attuale amministrazione che ci aveva riferito che le famiglie dei detenuti stravedevano per lui.  Ma è ovvio che non sono certo i parenti dei carcerati a dover scegliere il garante, soprattutto se è un soggetto con un passato di criminalità da cui pubblicamente non hai mai preso fino in fondo le distanze. Ora bisogna agire in maniera dura, si è data troppa libertà a chi voleva manovrare il sistema carcerario. Si lamentano delle restrizioni ma ogni sacrosanto giorno leggiamo di spaccio di droga all'interno delle case circondariali e si vedono continuamente dirette sui social. I detenuti devono godere dei loro diritti, si, ma il punto è che, invece, le vittime della criminalità vengono quotidianamente abbandonate al loro destino. De loro diritti non si parla mai. Ribadiamo la nostra posizione: pene certe per i criminali e tutela della gente onesta e delle vittime. “- ha spiegato Borrelli.

“Il Consigliere Borrelli è l’unico che ci ha sostenuto nella nostra battaglia per richiedere la rimozione di Ioia dal ruolo di garante, dato che il suo passato criminale era ed è in contraddizione con ciò che avrebbe dovuto rappresentare.  La cronaca odierna conferma tutti i nostri sospetti e le nostre denunce” - racconta Di Giacomo- “Andando oltre la vicenda Ioia, la politica italiana non può più trascurare la situazione carceri che è davvero drammatica. Bisogna considerare che lo Stato non sta intervenendo in nessuna maniera ed i criminali dall’interno riescono a gestire i loro affari. Le carceri spesso non sono il punto finale della carriera criminale ma, anzi, rappresentano spesso uno snodo cruciale dove il criminale si forma, sono spesse volte enormi piazze di spaccio. Ora esigiamo interventi concreti".

Link al Video: https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/445096960941982

19 Ottobre 2022 12:00 - Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre 2022 12:00
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi