10 Dicembre 2019 - Aggiornato alle 17:17
PROFESSIONI E MESTIERI
Napoli: Carlo Vitale, "nato meccanico"
27 Settembre 2019 19:54 —

Se gli chiedete quando gli è venuta la passione per la meccanica d'auto vi risponde con un sorriso "da quando sono nato, è uscito prima il "giravite" e poi sono venuto fuori io". Stiamo parlando, per chi non lo conscesse ancora, di Carlo Vitale, professione meccanico ovvero "nato" meccanico. La sua officina è in via Ianfolla 308, a pochi passi da un altro grande delle auto, quel Chicco Zammartino di cui abbiamo già scritto e peraltro suo grande amico. Se lo cercate su internet non lo trovate. Alla voce "Carlo Vitale meccanico", Google vi rimanda ad una officina di Palermo. E allora devi avere la fortuna di conoscerlo o di sapere dove trovarlo. Anche per noi, per intervistarlo, non è stato semplice. Ma si sa il mestiere del giornalista è anche quello di scovare persone e raccontare fatti. Per cui, quando gli chiediamo "come fanno i clienti a trovarlo" ci risponde candidamente "sono i miei stessi clienti che mi fanno pubblicità". E in effetti, abbiamo appurato, che è così da decenni. Si, perchè lui "nato" meccanico a 13 anni già lavorava dal "masto" al Vomero e a 22 anni già ti sapeva smontare una Ferrari e rimontarla perfettamente che è la cosa notoriamente più difficile. Lasciato "o masto", si è messo in proprio a Miano poco prima di arrivare al "Cimitero degli Inglesi" venendo dall'incrocio del Frullone e da Via Marco Rocco di Torrepadula. Carlo che ha 49 anni non finisce mai di stupirti. Parla cinque lingue, l'Italiano della Ferrari, il tedesco della Porsche, l'inglese della Cooper, il francese della Renault o della Peugeot come meglio preferite e il giapponese della Toyota. Si avete letto bene, cinque lingue. Quelle delle auto perchè "o mast", fin da piccolo, gli ha fatto il lavaggio del cervello "se vuoi riparare veramente le auto devi parlare la loro stessa lingua". E così è stato perchè lui con le auto ci parla. E se qualcuno si è avventurato a smontare una catena di distribuzione di un motore Mini Cooper sistema Valvotronic e per rimontarlo, ammesso che ci sia riuscito, ci ha impiegato quattro mesi, lui ci ha parlato e ci è riuscito in quattro giorni. Non a caso fin da piccolino smontava e rimontava auto in miniatura, elettriche o manuali. Una mania direte voi. No, "nato meccanico" diciamo noi.

Antonio Pianelli 

27 Settembre 2019 19:54 - Ultimo aggiornamento: 27 Settembre 2019 19:54
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi