17 Agosto 2018 - Aggiornato alle 10:47
CRONACA
Napoli: Casoria, morto soffocato da una fetta di mozzarella in una struttura protetta. Aveva 36 anni
17 Luglio 2018 17:31 — La Procura apre un fascicolo per omicidio colposo.

La vittima si chiamava Raffaello Barbato, era ricoverato presso la residenza psichiatrica Kairos di Casoria. La tragedia si è consumata l’11 luglio scorso.

Soffocato da una fetta di mozzarella che gli è andata di traverso all’interno di una struttura protetta per malati psichiatrici dove sarebbe dovuto essere sorvegliato h24. Così è deceduto, lo scorso 11 luglio, a Casoria, Raffaello Barbato, a soli 36 anni: ora i suoi familiari chiedono verità e giustizia e anche l’autorità giudiziaria ha subito aperto un procedimento penale per omicidio colposo, per ora a carico di ignoti, per appurare i fatti ed eventuali responsabilità.

Raffaello Barbato, così come il fratello gemello morto suicida quand’era ancora ragazzino, era affetto da una grave psicopatia manifestatasi fin da quando era adolescente, aveva pure lui tentato di togliersi la vita e per questo, per essere seguito e curato, era ricoverato da anni in strutture specifiche, l’ultima delle quali, dove si trovava da quattro anni, la residenza psichiatrica “Kairos” di Casoria - città dove abitano la mamma e le sorelle -, regolarmente accreditata con il servizio sanitario regionale della Regione Campania e specializzata proprio nella gestione delle “persone con gravi crisi non gestibili in famiglia, psicotici gravi che richiedono un contesto protetto per ventiquattrore e per un lungo periodo” come si legge nel suo sito Internet. Dunque, un presidio che sarebbe dovuto essere assolutamente sicuro per il paziente.

Ma poco prima delle 21.30 di mercoledì 11 luglio, la madre del giovane ha ricevuto una telefonata choc dalla residenza psichiatrica in cui le hanno comunicato che il figlio era deceduto in seguito ad un arresto cardiaco. La donna si è precipita nella struttura e qui ha appreso che Raffaello, evidentemente durante la cena, era morto soffocato da un’intera fetta di mozzarella andatagli per traverso, di sette centimetri per tre come risulta nel verbale di intervento dei sanitari del Suem, che hanno potuto solo constatare il decesso, alle 20.43.

Sconvolti dal dolore, per chiarire i contorni di una morte assurda e inaccettabile, per il contesto in cui è avvenuta, e per ottenere giustizia, la famiglia della vittima, per il tramite della consulente personale Mila Tizzano, si è affidata a Studio 3A, società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità in ogni tipologia di sinistro, a tutela dei diritti dei cittadini, e al penalista del foro di Padova, Avv. Marco Frigo.

Anche la Procura della Repubblica di Napoli, infatti, intende andare a fondo del grave episodio e il Pubblico Ministero, dott.ssa Viviana Di Palma, sulla scorta della notizia di reato, ha aperto autonomamente un fascicolo per omicidio colposo e disposto l’esame autoptico sulla salma, incaricando come proprio consulente tecnico il dott. Antonio Palmieri, medico legale di Napoli: l’incarico è stato affidato il 12 luglio, presso la stazione dei carabinieri di Casoria. L’autopsia è stata effettuata l’indomani, venerdì 13 luglio, e alle operazioni peritali ha partecipato anche il dott. Omero Pinto, medico legale con studio in Caserta, consulente di parte per la famiglia della vittima messo a disposizione da Studio 3A. Sabato è quindi arrivato il nulla osta per la sepoltura e si è potuto dare l’estremo saluto allo sfortunato giovane.

Per avere il responso ufficiale bisognerà attendere gli esiti degli esami istologici e i risultati degli esami tossicologici, e quindi il deposito della perizia, ma i primi riscontri dell’autopsia hanno confermato che la morte sarebbe stata dovuta a soffocamento. Ora starà dunque alla magistratura accertare se, nel tragico incidente, vi possano essere delle responsabilità da parte degli operatori della struttura, sia a monte con una “culpa in vigilando” sul paziente, sia a posteriori con la mancata o inadeguata effettuazione delle manovre di soccorso che si praticano nei casi di ostruzione delle vie aeree per il cibo. I familiari del giovane, che non meritava questa fine dopo una vita piena di difficoltà e di sofferenze, si aspettano delle risposte.

17 Luglio 2018 17:31 - Ultimo aggiornamento: 17 Luglio 2018 17:31
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi