05 Dicembre 2021 - Aggiornato alle 18:48
CRONACA
Napoli: Casoria, tragedia sfiorata. Una donna di 61 anni con problemi cardiaci colpita alla testa con una bottiglia di vetro da un 25enne
10 Novembre 2021 12:51 —

Una banale lite condominiale ha rischiato di finire in tragedia in un parco di edilizia popolare a Casoria dove una donna di 61 anni, con problemi cardiaci, è stata colpita alla testa con una bottiglia di vetro da un 25enne.

A denunciare la vicenda è uno dei figli della donna che si è rivolto al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli:

“Tutto è accaduto domenica 7 novembre quando io e gli altri miei due fratelli eravamo in viaggio verso Modena dove lavoriamo e viviamo con le nostre rispettive famiglie. I miei genitori, invece, vivono a Casoria assieme mia sorella di 18 anni.   Era cominciata una discussione per una questione condominiale con questi soggetti, poco raccomandabili e che hanno legami di parentela con persone note alle forze dell’ordine. Questi soggetti già in passato hanno creato dei problemi ad altre persone nel condomino, sempre per questioni banali.  Sono tre ragazzi dai 20 ai 30 anni che hanno cominciato ad aggredire verbalmente mia sorella, così mia madre si è intromessa ma è stata colpita con una bottigliata alla testa, poi è toccato a mio padre, un malato oncologico, a ricevere dei colpi e alla fine anche dei vicini di casa hanno dovuto subire l’ira di quei delinquenti. Ora mia madre è ricoverata al Cardarelli di Napoli, la attendono 40 punti di sutura almeno e degli interventi al volto. Mio padre e mia sorella hanno paura ad uscire di casa. Come si fa a dargli torto? Anche io ed i miei fratelli, che sono tornati a Casoria per stargli vicino, temiamo per la loro incolumità ed è per questo che vogliamo che la giustizia faccia presto.”.

“Chiediamo alle forze dell’ordine e alla magistratura di accelerare con le indagini e di poter garantire sicurezza ed incolumità a questa famiglia.  Non è più tollerabile che la violenza si sia completamente impossessata del nostro territorio e che, attraverso l’utilizzo di essa, soggetti spregevoli vadano a sopraffare le persone perbene che senza la tutela delle istituzioni restano inermi di fronte a queste ingiustizie. Se non si interviene in maniera determinata ed efficace, prevedendo pene certe e dure per questi criminali, come possiamo biasimare chi sceglie di abbandonare la nostra terra per andare altrove? Noi saremo vicini a questa famiglia dandole ogni supporto possibile, così come a tutte le vittime di ingiustizie e violenze.”- sono le parole di Borrelli e del conduttore radiofonico Gianni Simioli.

10 Novembre 2021 12:51 - Ultimo aggiornamento: 10 Novembre 2021 12:51
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi