07 Maggio 2021 - Aggiornato alle 20:57
CRONACA
Napoli: Casoria, un arresto per il tentato omicidio di Gianluca Coppola
30 Aprile 2021 21:36 —

Nel pomeriggio odierno, in Casoria, militari del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna e della Compagnia di Casoria hanno notificato un fermo di indiziato di delitto – emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli – nei confronti del 27enne Felli Antonio, considerato vicino alla locale criminalità organizzata, gravemente indiziato di “tentato omicidio volontario aggravato dai motivi abietti o futili” e “detenzione e porto abusivo di armi”, reati aggravati dal “metodo e dalle finalità mafiose”. Le indagini, coordinate dall’Autorità Giudiziaria distrettuale e condotte congiuntamente dai due citati reparti, attraverso la visione di numerosi sistemi di videosorveglianza, pubblici e privati e l’escussione di persone informate sui fatti, corroborate anche da attività di natura tecnica, hanno permesso di ricostruire l’intera dinamica della violenta aggressione a mano armata avvenuta lo scorso 8 aprile culminata con l’esplosione di numerosi colpi di pistola cal. 7.65 ad opera del Felli, di cui 3 hanno attinto il suo obiettivo, il 27enne incensurato Coppola Gianluca, ancora ricoverato presso l’Ospedale Cardarelli di Napoli, in prognosi riservata ed in pericolo di vita; nella circostanza si è appurato come il Felli abbia agito con freddezza, a volto scoperto, con platealità, ostentando la propria identità per conferire esemplarità al gesto, evocando nella vittima, alla luce delle modalità di commissione del reato, la consapevolezza dell’appartenenza ad un’associazione di tipo mafioso, anche alla luce della reticenza di alcuni testimoni oculari. Si è verificato che, prima della citata sparatoria, vi era stata una violenta lite tra il Coppola e il Felli nei pressi di un bar ubicato nel centro di Casoria, a seguito della quale, quest’ultimo era riuscito a procurarsi, nel giro di pochi minuti, un’arma poi utilizzata per l’azione delittuosa. Al termine delle formalità di rito, Felli Antonio è stato tradotto presso il carcere di Napoli-Poggioreale.

30 Aprile 2021 21:36 - Ultimo aggiornamento: 30 Aprile 2021 21:36
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi