26 Maggio 2022 - Aggiornato alle 11:08
CRONACA
Napoli: Chiaia, centro SNAI nei pressi di via dei Mille svolgeva attività di scommesse su siti non autorizzati
24 Febbraio 2022 13:15 — Sul posto anche tre minorenni del luogo colti nell’atto di giocare.

Nell’ambito di mirati controlli nel settore dei giochi e delle scommesse, i Carabinieri della Stazione di Napoli Chiaia insieme ai funzionari ADM appartenenti all’Ufficio Antifrode DT IX Campania e all’UM Campania, hanno controllato un esercizio commerciale di via Fornari, traversa di via dei Mille.

Tali attività hanno portato all’accertamento di plurime violazioni sia sotto il profilo penale che amministrativo, oltre che all’irrogazione di provvedimenti sanzionatori. L’esercizio in parola, dichiarato esercitare in via prevalente attività di cartolibreria e titolare in via residuale di licenza SNAI, in realtà non solo esercitava in modo largamente prevalente attività di commercializzazione di giochi pubblici, contravvenendo a quanto previsto dalla SCIA di riferimento, ma nemmeno raccoglieva giocate per conto del proprio concessionario, svolgendo attività di scommesse su siti non autorizzati.

In particolare, veniva appurato e denunciato il reato di intermediazione per lo svolgimento di attività organizzata, finalizzata all’accettazione e alla raccolta abusiva di scommesse, sia attraverso la ricostruzione delle cronologie di navigazione dei computer presenti, sia attraverso il rinvenimento di ricevute di gioco in originale e dei tagliandi manoscritti recanti gli eventi sportivi su cui scommettere.

Tale attività ha portato al sequestro penale sia di apposito computer collegato a circuito illegale di operatore non autorizzato sia della documentazione di gioco attestante le modalità di raccolta e pagamento delle scommesse illegali, rendendosi, pertanto, necessario anche la denuncia della titolare di esercizio, una 58enne di Pozzuoli già nota alle forze dell’ordine, all’Autorità Giudiziaria competente.

Da un punto di vista amministrativo, i controlli operati dei militari dell’Arma con i funzionari ADM hanno condotto altresì al sequestro in via amministrativa di postazioni di gioco non rispondenti alle caratteristiche e alle prescrizioni dell’art. 110 TULPS, nonché alle altre disposizioni normative in materia. Anche tali apparecchiature risultavano collegate, con links preindirizzati, a siti di operatori di gioco non autorizzati e per essi si procedeva all’irrogazione della relativa sanzione, in special modo tenuto conto dell’aggravante presenza in loco di tre minorenni del posto colti nell’atto di giocare. Ciò ha reso necessaria l’irrogazione immediata della relativa sanzione di competenza e la segnalazione alle istituzioni competenti per il prosieguo di competenza.
 

24 Febbraio 2022 13:15 - Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio 2022 13:15
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi