13 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 19:50
CRONACA
Napoli: Cimiteri, furto nella notte a Poggioreale. Distrutto il “Monumento della Sposa”. EFI: “Il Comune pensa solo a fare cassa”
15 Novembre 2017 21:48 — I rappresentanti EFI: “Mentre i cimiteri vengono depredati, i disservizi continuano e l’amministrazione sembra avere altre priorità per il nostro comparto”.

«Se la stanno portando via a pezzi. Il 30 ottobre il primo, la scorsa notte il secondo. In pratica stanno smontando l’intero Monumento della Sposa nel cimitero di Poggioreale, un pezzo d’arte secolare che evidentemente è apprezzato più dai ladri d’arte che dall’amministrazione comunale. Che però si ricorda bene dei cimiteri quando si tratta di acquisire 90 manufatti e fissare in 150 euro all’anno la multa per le salme non trasferite». È la denuncia dell’avvocato Francesco Cinque, in qualità di rappresentante EFI (Eccellenze Funerarie Italiane), sindacato che raccoglie alcuni tra i più importanti operatori funebri nazionali, che diffonde le foto scattate nelle scorse ore di quello che è conosciuto dal popolo come Monumento della sposa, all’interno del Cimitero di Poggioreale. Un manufatto di importante valore storico e artistico che è per la seconda volta bersaglio dei raid di vandali o – più probabilmente – ladri.  «Oltre ad essere l’ennesimo scempio a un cimitero monumentale che meriterebbe ben altri trattamenti – spiega Cinque – è la dimostrazione di come l’attenzione del Comune per il comparto cimiteriale sia a doppio senso. Nei giorni scorsi la delibera 566 approvata dalla giunta de Magistris, in nome della legalità, sanciva l’acquisizione di 90 manufatti cimiteriali e imponeva agli ex concessionari, loro eredi o coloro che hanno acquistato questi manufatti in violazione delle norme relative 150,00 € all’anno fin quando le spoglie dei loro cari non saranno trasferite altrove. Si tratta di quei manufatti al centro di compravendite in violazione delle norme, ma che sono stati al massimo incautamente acquistati – tra l’altro davanti a pubblici ufficiali della Repubblica Italiana - da chi attualmente ne usufruisce per ospitare le spoglie dei propri cari. Ora il Comune, che dovrebbe farsi un bell’esame di coscienza sulla mancata vigilanza nel corso degli anni, invece si rivale sugli utenti finali senza valutare altre soluzioni possibili». «La nostra pazienza – conclude Cinque – è davvero al limite. Mancato controllo, carri funebri comunali fermi da due anni che sono costati circa 400mila euro, mancata installazione delle pensiline per l’affissione degli annunci funebri in praticamente la maggior parte dei quartieri cittadini. Gli impresari funebri sono costretti a portare carta e toner agli uffici comunali per farsi stampare i documenti necessari perché gli enti ne sono sprovvisti. Faremo tutto quello che è in nostro possesso per portare le nostre istanze all’interno delle stanze di Palazzo San Giacomo: già in queste ore stiamo valutando con le altre agenzie funebre del territorio eventuali iniziative di protesta».

15 Novembre 2017 21:48 - Ultimo aggiornamento: 15 Novembre 2017 21:48
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi