23 Maggio 2018 - Aggiornato alle 01:43
CRONACA
Napoli: Comune usa bare non a norma e lesive della dignità del defunto
07 Maggio 2018 15:12 — E' la denuncia di Gennaro Tammaro e Alessio Salvato (EFI). “Vedere le immagini delle bare utilizzate dal servizio comunale ci fa rabbrividire, sono non a norma e lesive della dignità del defunto”

“Cassa da morto o cassapanca? Il Comune non ha la minima idea delle leggi che regolano il comparto funebre”. Così in una nota diffusa Gennaro Tammaro e Alessio Salvato (EFI). “Quando le abbiamo ricevute eravamo convinti di vedere immagini da un catalogo di cassapanche. Ci siamo resi conto solo in un secondo momento che quelle casse in legno erano bare destinate al servizio cimiteriale del Comune di Napoli. Stiamo parlando di opere d’artigianato imbarazzanti che non rispettano ciò che è previsto dal regolamento di polizia mortuaria (d. 285/90) e che sono anche offensive del defunto, stipato in quattro assi di legno”. “Ci sono una serie di leggerezze – affermano Tammaro e Salvato – inaccettabili, soprattutto da chi è chiamato a dare l’esempio a tutti come l’ente pubblico. Non rispettano i dettami di legge il modo in cui sono sigillate le casse, l’assenza di viti, la mancata esposizione del marchio di fabbrica e l’indicazione della ditta costruttrice. Ci sono altri parametri per la realizzazione di una cassa da morto che sono altrettanto importanti per la legalità e per la salute degli operatori e della cittadinanza, che chiederemo vengano verificati nelle sedi preposte”. “Che il Comune sembri comunque importarsene poco delle regole – attaccano i due impresari funebri – è comunque evidente dal fatto che ad oggi, come abbiamo avuto modo di constatare e di denunciare, i dipendenti comunali preposti alle operazioni funebri non sono adeguatamente formati come impone la legge regionale in materia. Continuano a operare in barba alle regole”. “Ancor più raccapricciante – concludono Tammaro e Salvato – è però il modo in cui i defunti indigenti vengono trattati: sembrano imballati in casse Ikea, con fogliettini volanti sparsi a ricordare chi c’è in quelle casse. Una scena lesiva della dignità del defunto sotto ogni aspetto”.

07 Maggio 2018 15:12 - Ultimo aggiornamento: 07 Maggio 2018 15:12
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi