18 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 07:55
CRONACA
Napoli: Controlli straordinari alla Stazione Centrale. Arresti, sequestri e denunce
26 Giugno 2018 21:07 —

Nell’ambito dell’intensificazione dei controlli finalizzati all’individuazione di soggetti che pongono in essere attività delittuose, nella stazione di Napoli Centrale, durante il weekend, sono stati potenziati i controlli: nella filosofia di una stazione aperta e libera, ma più sicura, utilizzando  nastri tendiflex e  desk della Polizia Ferroviaria, sono stati creati cinque varchi di accesso  attraverso i quali   gli utenti  passano sotto lo sguardo  dei poliziotti, che controllano così de visu tutte le persone in ingresso, e individuano con maggiore facilità i sospetti e controllarli, anche mediante l’uso dei metal detector in dotazione. Nella Stazione di Napoli Centrale questi servizi sono stati realizzati con il concorso degli uomini della Questura di Napoli: Unità Cinofile e Unità Operativa Pronto Intervento (Uopi) e dei Militari impegnati nell’Operazione “Strade Sicure”. Analoghe modalità di controllo sono state predisposte nelle Stazioni di Salerno, Caserta ed Aversa dove le pattuglie, collocate nei punti di accesso degli scali, sempre con l’ausilio dei  tendiflex e dei metal detector, hanno potuto controllare visivamente tutte le persone in ingresso e i relativi bagagli. I dispositivi di servizio approntati hanno permesso di identificare 1367 persone e 335 bagagli a seguito di viaggiatori controllati; una persona arrestata (Minaccia,  Resistenza e Lesioni a Pubblico Ufficiale); tre persone denunciate all’Autorità Giudiziaria (due per la vendita di merce contraffatte e uno per resistenza a pubblico ufficiale); due fotosegnalamenti; due sequestri penali e nr. otto sequestri amministrativi; dieci sanzioni amministrative. In particolare nella mattinata odierna, nella Stazione di Napoli Centrale, R.G., quarantasettenne pluripregiudicato napoletano, ha aggredito un dipendente di Protezione Aziendale della società Trenitalia, in servizio a bordo di un treno. L’uomo  annovera numerosi precedenti di polizia per sette diversi episodi di minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, di cui due  compiuti nei confronti della medesima vittima odierna,  perché ostacolavano la sua attività di venditore abusivo che esercita in modalità itinerante sui treni che circolano in questa regione. Alla richiesta di scendere dal treno rivoltagli dall’operatore di  Protezione Aziendale perché era privo di titolo di viaggio, prima gli ha lanciato una busta di plastica e poi lo ha colpito violentemente al volto con una testata, procurandogli lesioni personali giudicate guaribili in dieci giorni. Continuando a minacciarlo ripetutamente di ulteriori ritorsioni fisiche e personali, è sceso dal convoglio in partenza ed ha tentato di allontanarsi dalla stazione. Il fuggitivo non ha però potuto sottrarsi all’attenzione degli agenti della Polizia Ferroviaria che presenziavano uno dei cinque varchi di ingresso, che lo hanno bloccato ed arrestato per i reati di  Minaccia, Resistenza e Lesioni a Pubblico Ufficiale.  L’uomo è stato sottoposto al regime provvisorio degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo, che si terrà domani. Sempre nel corso dei controlli straordinari nella Stazione di Napoli Centrale, sabato, M.N.  e D.F., senegalesi di anni 30 e 35, sono stati  fermati con delle grosse borse all’interno delle quali occultavano borse e abbigliamento con marchio contraffatto di note marche tra cui Moschino, Louis Vuitton, Gucci. I due sono stati denunciati per il reato di ricettazione e la merce sottoposta a sequestro penale.

26 Giugno 2018 21:07 - Ultimo aggiornamento: 26 Giugno 2018 21:07
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi