28 Maggio 2018 - Aggiornato alle 07:22
CRONACA
Napoli: Da Biella a Pompei e Salerno per rubare nei centri commerciali. Arrestati i quattro della banda dei furti in trasferta
23 Gennaio 2018 14:46 —

I Carabinieri di Pompei hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Torre Annunziata per associazione a delinquere finalizzata ai furti e per indebito utilizzo di carte di credito. Tradotta in carcere Maria Bevilacqua, una 50enne residente a Biella ma di origini avellinesi. Ai domiciliari invece Maria Petrillo, una 34enne di Biella, Anna Marotta, una 24enne anche lei di Biella e Luigi Cerzosimo, 32enne, di Montecorvino Rovella (Sa). Sono tutti già noti alle forze dell'ordine e legati tra loro da vincoli di parentela. Nei periodi di festa o durante l’estate le tre donne scendevano a Pompei e in provincia di Salerno e lì si davano ai furti con la partecipazione di Cerzosimo. I militari hanno accertato quattro colpi, tutti in centri commerciali di Pompei, Pontecagnano e Salerno. L’indagine per identificarlii ha fatto leva sull’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza istallati dentro e fuori gli esercizi commerciali e sulle descrizioni fornite dalle vittime oppure dai testimoni presenti nei luoghi in cui erano stati commessi i furti. Tutto è partito nell’agosto 2017 quando la Petrillo fu arrestata in un centro commerciale di Pompei dopo aver tentato il pagamento di tre smartphone del valore complessivo di circa 900 euro con un bancomat. Fu bloccata dai carabinieri proprio mentre tentava il pagamento e perquisendo la sua borsa i carabinieri rinvennero 1600 euro e 200 franchi, sequestrati poiché ritenuti verosimilmente di provenienza illecita. Accertarono, inoltre, che quella carta bancomat era stata rubata poco prima in un supermercato di Pompei. Poi le verifiche si estesero in particolare sulla macchina utilizzata per arrivare in uno dei centri presi di mira e unendo i vari elementi i militari riuscirono a risalire a tutti i componenti del gruppo. Il provento di questo accordo è stato quantificato in circa 3mila euro. In parte sono stati recuperati in contante 1600 euro, il resto lo sarà grazie a un decreto di sequestro emesso dal GIP nei confronti dei loro conti correnti.

23 Gennaio 2018 14:46 - Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio 2018 14:46
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi