20 Agosto 2018 - Aggiornato alle 05:35
SPORT
Napoli: De Laurentiis le chiama bufale. Ma non sono mozzarelle. E le trattative in corso esistono. Naturalmente
20 Luglio 2018 17:46 —

Bufala. Negli ultimi giorni – ma soprattutto nelle ultime ore - abbiamo sentito tanto, tantissimo questa parola; il Presidente De Laurentiis, nell’intervista alla radio ufficiale, l’avrà ripetuta seimila volte, addirittura utilizzando il termine “bufalissima”, parola inesistente. Siamo abbastanza certi non si riferisse all’animale da cui viene estratto il latte per produrre la mozzarella, prodotto caseario tipicamente campano, d.o.p., nonostante la possibile astinenza derivata dagli oltre 10 giorni di ritiro a Dimaro, in Trentino Alto-Adige, non proprio la zona delle mozzarelle e dei prodotti di Bufala. Piuttosto ha usato quel termine, incalzato dall’amico giornalista, per dare una spiegazione alle tante notizie di mercato pubblicate dalle testate giornalistiche. Ebbene, mai termine fu più sbagliato, quindi; il Presidente è nel mondo del calcio da oltre 14 anni e dovrebbe conoscere benissimo le dinamiche in tema di calciomercato. Durante quei mesi le trattative nascono ed abortiscono nel giro di giorni, addirittura di ore o minuti ed un buon cronista ha il dovere di riportarle tutte, perché obbligato a fare informazione. Ogni giornalista ha le sue fonti, recupera notizie e cerca di offrire il meglio possibile, quanto di più veritiero ci sia, al suo lettore. Tutte bufale o fake news; non una notizia vera. È quindi, per il presidente, una presa in giro totale, da parte dei cronisti di mezzo mondo, tutti lì attorno ad un tavolo a prendersi gioco del povero De Laurentiis così per divertimento. Il giornalista, come detto, ha il dovere di informare, il Presidente quello di smentire, perché – conoscendo il personaggio – ha già l’acquolina alla bocca immaginando una presentazione in grande stile, modello Hollywood, lui, arrivato dal cinema e deciso a gestire il mondo del calcio come quello della pellicola. Una cosa, però, è certa; le nostre fonti lo confermano a più riprese. Il Napoli sta lavorando per Cavani, la trattativa è in dirittura d’arrivo, così come ci sono movimenti attorno ad Angel Di Maria, con Jorge Mendes – agente dell’argentino – al lavoro da intermediario con il PSG come raccontato nei giorni scorsi. È un’operazione onerosa e, quindi, tutt’altro che semplice da portare a termine; forse non arriverà El Fideo, forse anche il Matador potrebbe prendere una strada diversa, ma sono solo risvolti imprevisti – ad oggi – di una trattativa e di un lavoro in piedi già da qualche settimana. Altro che fake news, anche perché il Presidente ha anche dimostrato di avere la memoria corta; qualche settimana fa affermò della necessità di acquistare un trentenne – così come richiesto da Ancelotti - per disputare una buona Champions League mentre oggi ha spiegato come lui non intenda acquistare “vecchi” ma solo giovani. Delle due l’una; se ADL ha, però, problemi di memoria, che almeno scriva su un taccuino tutte le sue dichiarazioni pregresse, almeno la possibilità di incappare in brutte figure verrà evitata. 

Giovanni Spinazzola 

20 Luglio 2018 17:46 - Ultimo aggiornamento: 20 Luglio 2018 17:46
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi