26 Maggio 2022 - Aggiornato alle 01:44
CRONACA
Napoli: Denuncia dell'associazione Erasmus Generation, circa 40 aggressioni e rapine negli ultimi 20 giorni ai danni di studenti Erasmus
21 Marzo 2022 12:03 — Borrelli: “Sono prede facili di delinquenti e balordi. Servono più controlli di sera e pene più severe e che siano certe.”

Nella notte tre domenica 20 marzo e lunedì 21 marzo tre studentesse universitarie provenienti dalla Turchia e facenti parte del progetto Erasmus sarebbero state aggredite a Napoli nei pressi di via dei Tribunali.

A denunciarlo è l’associazione” ERASMUS GENERATION NAPOLI” che si è rivolta al Consigliere Regionale Europa Verde Francese Emilio Borrelli:

“Tre studentesse turche in ERASMUS a Napoli sono state aggredite con coltelli e pistole e derubate in mezzo alla strada più turistica e conosciuta della città

Abbiamo raccolto proprio nelle ultime settimane testimonianze di un sacco di studenti ERASMUS con lo stesso problema. Tutti hanno sporto denuncia ma nessuna precauzione è stata presa, nessun controllo in più in queste zone e gli studenti ERASMUS sono sempre più impauriti. Sono tanti ragazzi che hanno denunciato, circa 40 negli ultimi 20 giorni. Abbiamo creato per questo un gruppo WhatsApp dove gli studenti possono denunciare le loro esperienze.”.

“Ovviamente bisognerà fare delle ulteriori verifiche ma l’allarme c’è. Denunciamo, infatti da tempo, l’ondata di criminalità e violenza che sta inondando le strade della nostra città, e purtroppo, non soltanto la nostra. Al calare della sera certe zone diventano off-limits per la gente perbene che deve percorrerle a suo rischio e pericolo mentre delinquenti e balordi sono liberi di seminare terrore e scompiglio. Sono sicuramenti necessari controlli più intensi ed efficaci. È altrettanto importante prevedere pene più severe, e certe, per chi se ne va in giro a derubare e rapinare, ed un piano di prevenzione da parte delle Autorità.” - ha dichiarato il Consigliere Borrelli.

21 Marzo 2022 12:03 - Ultimo aggiornamento: 21 Marzo 2022 12:03
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi