05 Febbraio 2023 - Aggiornato alle 07:43
CRONACA

Napoli: Estorsione mafiosa ai parcheggiatori abusivi alla stazione centrale. Un arresto

16 Dicembre 2022 12:25 —

Nel tardo pomeriggio di mercoledì scorso, gli agenti del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura coercitiva della custodia in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di Damiani Gennaro in quanto gravemente indiziato dei reati di rapina, estorsione, violenza privata, aggravati dal metodo mafioso.

Le indagini hanno avuto inizio quando una delle vittime ha denunciato di essere stata percossa a seguito del suo rifiuto di consegnare all’indagato i pochi soldi guadagnati con l’attività di parcheggiatore abusivo. Altre persone, sempre impegnate nelle stesse attività nei pressi della Stazione Centrale di Napoli, hanno denunciato l’indagato ed i suoi complici per analoghe condotte criminose.

E’ così emerso, grazie anche alle attività di osservazione ed all’esame delle riprese filmate eseguite dagli impianti di videosorveglianza pubblici, che l’indagato, anche minacciando di far valere la sua appartenenza ad un clan camorristico delle cosiddette “Case Nuove”, controllava in modo capillare le attività di parcheggiatore abusivo svolte da persone senza fissa dimora ed emarginate, imponendo loro di ricevere parte delle somme raccolte, anche a titolo di elemosina, e reagendo con violenza nei confronti di chi si rifiutava di farlo.

Gli ulteriori approfondimenti investigativi hanno confermato l’impianto accusatorio anche grazie alle dichiarazioni di altri soggetti, sempre dediti alle stesse attività, che sebbene non destinatari di specifici episodi di violenza, hanno rappresentato come l’indagato avesse raggiunto, con metodi violenti ed intimidatori, il controllo e la gestione dei parcheggi abusivi nell’area della Stazione Centrale e zone limitrofe.

16 Dicembre 2022 12:25 - Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre 2022 12:25
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi