19 Aprile 2019 - Aggiornato alle 08:59
SPORT
Napoli: Europa League, intervista a Michele Giraldi
18 Dicembre 2018 12:56 —

L'urna di Nyon ha emesso il suo verdetto: l’avversario del Napoli nei 16esimi di Europa League sarà lo Zurigo, squadra svizzera militante in Super League. Per provare a capirne di più degli avversari, la Redazione de “I Fatti di Napoli” ha contattato – in esclusiva – il collega di Ticinonline Michele Giraldi. 
A Napoli hanno tirato un sospiro di sollievo. Lo Zurigo è una squadra abbordabile? 
“Questo Napoli non dovrebbe avere alcun problema a superare il turno. Lo Zurigo è una buonissima squadra, ma per il campionato svizzero. A livello europeo è tutto un altro discorso; il Napoli mi pare abbia le capacità e le qualità per superare un ostacolo del genere”. 
Lo Young Boys ha battuto la Juve in Champions League. Però tra le due formazioni elvetiche vi sono 24 punti di differenza nella Super League. Non può esserci paragone? 
“Lo Young Boys è sicuramente di un livello superiore rispetto allo Zurigo. Nonostante questo, la formazione di Berna ha battuto i bianconeri perché questi hanno giocato con il freno a mano tirato, ricevendo anche buone notizie da Valencia. Una Juve al 100% non ha problemi con lo Young Boys, un Napoli che si impegna all’80% non dovrebbe avere problemi con lo Zurigo”. 
Lo Zurigo, è bene ricordarlo, ha battuto il Bayer Leverkusen in casa nella fase a gironi di Europa League. 
“Si, però i tedeschi in quella occasione sottovalutarono l’impegno. Lo Zurigo è una buona squadra, ha una buona impostazione e riesce a produrre un calcio interessante però se il Napoli gioca come sa, non dovrebbe avere problemi”. 
Qual è un punto di forza dello Zurigo? 
“Sono molto solidi, ordinati. Quando affrontano avversari più forti o temibili, giocano con un 3-5-2 con gli esterni ad abbassarsi per formare una linea difensiva a cinque; è difficile sorprenderli. Davanti hanno un paio di giocatori interessanti che, se lasciati liberi, possono far male. Mi riferisco a Kololli, Odey e Ceesay, con il gambiano – adesso infortunato – che potrebbe tornare per l’anno nuovo”. 
A Zurigo di certo non hanno sorriso per il sorteggio. Hanno armi segrete che possono utilizzare? 
“L’entusiasmo del pubblico che spesso è stato severo ma, al contempo, ha saputo spingere i suoi calciatori verso grandi traguardi. Ho parlato con il Presidente Canepa e mi ha confermato che per loro sarà una festa nella quale proveranno a non essere spettatori. Già aver superato il primo turno ed aver rimpinguato le casse del club è già un gran bel punto di partenza”. 
Può essere il freddo un alleato dello Zurigo. A febbraio le temperature sono rigide in Svizzera…  
“Si, però se fosse stato a Berna con lo Young Boys a Berna ci sarebbero stati sicuramente più problemi per il Napoli. Il terreno di gioco del Letzigrund Stadion è riscaldato, quindi sarà in buone condizioni. Lo Zurigo sarà un po’ più abituato ma sarà freddo anche per loro. Gli elvetici, poi, soffriranno la primavera partenopea (ride, ndr)”. 

Giovanni Spinazzola 

18 Dicembre 2018 12:56 - Ultimo aggiornamento: 18 Dicembre 2018 12:56
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi