20 Marzo 2019 - Aggiornato alle 01:57
SPORT
Napoli: Europa League, la sfida sarà con il Red Bull Salisburgo
22 Febbraio 2019 18:12 —

Il Napoli ha conosciuto il suo avversario agli ottavi di Europa League; si tratta del Red Bull Salisburgo, squadra ostica. Urna non benevola, quindi, ma nemmeno cattiva, anche se da Castel Volturno non filtra soddisfazione, anzi; era la squadra da evitare subito dopo le big. L’andata sarà disputata al San Paolo il 7 marzo alle 21, mentre il ritorno una settimana dopo, il 14 a Salisburgo alle 18:55. Il tecnico Carlo Ancelotti, al sito ufficiale, ha rilasciato un primo commento sugli austriaci. "Il Salisburgo è un'ottima squadra con grande esperienza internazionale. Basti ricordare che solo pochi mesi fa ha giocato la semifinale di Europa League. Nel girone ha vinto 6 partite su 6 e dovremo fare 2 grandi partite!" Continua, dunque, il viaggio alpino nelle nazioni confinanti all’Italia per i partenopei; dopo lo Zurigo e la Svizzera, l’Austria e Salisburgo. Andiamo, però, a scoprire meglio i nostri avversari.  La squadra è l’antenata dell’Austria Salisburgo (finalista in Coppa Uefa contro l’Inter nel 1994) acquistata dalla Red Bull, il potente marchio austriaco di bibite proprietario anche del Lipsia in Bundesliga; da allora la squadra ha cambiato nome (ora è Red Bull Salisburgo), stemma e colori sociali ma non ha mai smesso di vincere, almeno in patria. Quest’anno, nella Tipico Bundesliga, il massimo torneo austriaco, è prima in classifica ed ha vinto il campionato negli ultimi cinque anni consecutivi. In Europa League, invece, la squadra nell’ultima edizione è arrivata fino alla semifinale (persa contro il Marsiglia solo ai supplementari, con gol dell’ex Napoli ed Inter Rolando) e nel suo percorso ha battuto Real Sociedad, Borussia Dortmund e Lazio. In questa edizione, in un girone comprendente anche i “cugini” del Lipsia, ha chiuso a punteggio pieno, con 18 punti e sei vittorie su sei; ha anche stilato un record. È la prima squadra a raggiungere questo traguardo per tre volte nella storia della manifestazione. Red Bull Arena, tra l’altro, vero e proprio fortino, considerato come la squadra sia imbattuta da 17 gare europee interne. In questa edizione ha il secondo attacco del torneo ed il capocannoniere, Munas Dabbur, vero e proprio cecchino infallibile. Il bomber, che a giugno passerà al Siviglia, ha già segnato sette reti ed è la stella della squadra che pure annovera tra le sue fila calciatori interessanti. Samassekou, schermo davanti alla difesa, è incontrista formidabile, già seguito da alcuni top club europei, mentre in difesa, sulla fascia, gioca Lainer, seguito a lungo proprio dagli azzurri durante lo scorso calciomercato estivo. La squadra è guidata in panchina da Marco Rose, ex tecnico delle giovanili. Non vi sono precedenti tra le due formazioni. 

Giovanni Spinazzola 

22 Febbraio 2019 18:12 - Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio 2019 18:12
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi