22 Novembre 2019 - Aggiornato alle 08:33
CRONACA
Napoli: Festa dell'Unità nazionale e delle Forze Armate con Mattarella
04 Novembre 2019 16:43 —

Una grande festa. Napoli, pur se con qualche bizza meteorologica, ha indossato il vestito buono e si è tirata a lucido per il 4 novembre, giorno dell’unità nazionale, e delle forze armate.

Il 4 novembre, infatti, l'Italia ricorda l'Armistizio di Villa Giusti - entrato in vigore il 4 novembre 1918 - che consentì agli italiani di rientrare nei territori di Trento e Trieste, e portare a compimento il processo di unificazione nazionale iniziato in epoca risorgimentale. Il 4 novembre, quindi, terminava la Prima Guerra Mondiale. Il Paese, con la giornata dedicata alle Forze Armate, vuole ricordare il sacrificio dei tanti militari durante la Grande Guerra ed omaggiare chi, per lavoro, protegge le nostre strade e le nostre vite, oltre ai nostri confini territoriali. Il 4 novembre 2019, però, è anche l’anniversario del ventennale dell’ingresso delle donne nelle nostre forze, grazie all’entrata in vigore della legge 380/99. Ad oggi sono oltre 16mila le donne impiegate nelle Forze Armate operanti in ogni settore ed in ogni corpo.

Napoli, come detto, si è vestita a festa; avvio delle celebrazioni con l’alzabandiera in piazza del Plebiscito, alla presenza del sindaco di Napoli De Magistris e con la fanfara dei carabinieri ad accompagnare le operazioni. Italia ed Europa le due bandiere sollevate, segnale evidente del ruolo centrale e del grande senso di appartenenza della nostra nazione nel contesto europeo.

Il vero show, però, si è ammirato sul lungomare Caracciolo, con il tempo che ha alternato momenti di sole ad altri di pioggia, anche intensa. Con il Golfo di Napoli sullo sfondo, e le due fregate della Marina Militare a “sorvegliare” il tutto, la “festa” è iniziata con la sfilata di tutti i corpi delle Forze Armate. Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri e Guardia di Finanza, per un totale di 500 militari in tutto. Sul lungomare, come ampiamente previsto, si è palesato accompagnato dal Ministro della Difesa Lorenzo Guerini e dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli. Presenti anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ed il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Spazio anche per le associazioni delle varie Forze Armate, che hanno reso onore al Presidente della Repubblica che ha passato in rassegna ogni corpo protagonista della sfilata. “W il Presidente” l’urlo delle scolaresche presenti oltre le transenne sul lungomare, sinonimo di come il Capo dello Stato sia molto amato, anche dai più piccoli.

“Grazie a tutti gli uomini delle forze armate per il vostro impegno quotidiano” le parole del capo di Stato maggiore della Difesa Enzo Vecciarelli che ha anche ricordato i circa seimila i militari impegnati all'estero in 27 Paesi. “Oggi tutti gli italiani festeggiano l'unità nazionale e si uniscono alle Forze Armate, facendo memoria del passato per vivere il presente e costruire il futuro. Il 4 novembre vede le Forze Armate protagoniste nella difesa dell'unità nazionale come valore condiviso”, le affermazioni, invece, del ministro Guerini.

La manifestazione si è conclusa con ben due passaggi delle Frecce Tricolori, fiore all’occhiello dell’Aeronautica Militare, con il pubblico entusiasta. Ed anche le fregate hanno “sentire la loro voce” suonando le sirene.

Il Capo dello Stato, poi, ha voluto visitare gli stand delle Forze Armate presenti in Piazza del Plebiscito (grande affluenza di pubblico in questi quattro giorni, con tante iniziative organizzate per i cittadini, anche quelli più piccoli). Applausi da parte dei cittadini presenti in piazza. Al termine, Mattarella, poi, si è recato nel palazzo della Prefettura.

Giovanni Spinazzola

04 Novembre 2019 16:43 - Ultimo aggiornamento: 04 Novembre 2019 16:43
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi