23 Aprile 2018 - Aggiornato alle 13:33
CULTURA&SPETTACOLO
Napoli: "Incontri del Venerdì", Maria Bratrice Cozzi Scarpetta presenta un ritratto inedito di Vincenzo Scarpetta
21 Marzo 2018 21:01 — Venerd√¨ 23 marzo ore 18.30 - Libreria del Cinema e del Teatro via del Parco Margherita 35.

La rassegna "Incontri del Venerdì", ideata e diretta da Giulio Adinolfi propone tutti i venerdì alle 18.30, una serie di dialoghi fra la città e i protagonisti del panorama culturale e artistico italiano e napoletano contaminando generi diversi tra scrittura, teatro, cinema e arti figurative. Gli incontri si svolgono negli spazi della Libreria del Cinema e del Teatro ubicati nel centro di Napoli, nel quartiere antico di Chiaia, e si concludono sempre con un momento conviviale e la visita guidata all’archivio della Libreria composto da oltre 8000 libri rari, copioni, sceneggiature e antichi cimeli sul teatro e il cinema messi a disposizione della città dai fratelli Alessandro e Andrea Cannavale. Non è un caso, forse, che la Libreria del Cinema e del Teatro, unica nel suo genere, sia nata proprio a Napoli. Il capoluogo partenopeo è, infatti, ad oggi la città con più teatri d’Italia, con il teatro lirico più antico d’Europa e con il maggior numero di set cinematografici e televisivi in funzione. La Libreria, inaugurata nel 2017 alla presenza del Sindaco di Napoli, è un ente culturale permanente nato con un obiettivo importante: stimolare il dialogo culturale con la città mettendo a disposizione l’enorme patrimonio di libri, copioni, sceneggiature e antichi cimeli frutto dell’appassionata opera di ricerca fatta dall’attore Enzo Cannavale in oltre 50 anni di carriera. La collezione è stata catalogata e offerta alla città per volontà dei figli dell’attore, Andrea e Alessandro, produttori cinematografici, che hanno fortemente voluto la nascita della Libreria aprendola anche ai cimeli offerti dai protagonisti del teatro e del cinema italiani. Così ha fatto, ad esempio, il regista Edoardo De Angelis donando alla libreria la sceneggiatura originale del film “Indivisibili” (scritta con Nicola Guaglianone e Barbara Petronio) che si è aggiudicata lo scorso anno il David di Donatello. L'appuntamento di questo Venerdì 23 marzo alle ore 18.30 è con Maria Bratrice Cozzi Scarpetta che presenta un ritratto inedito di Vincenzo Scarpetta come pioniere del cinema muto italiano e 9 commedie dal 1900 al 1920. Interverranno il critico teatrale Peppe Giorgio. L'attrice Maria Basile Scarpetta leggerà con Giulio Adinolfi scene delle commedie. I recenti ritrovamenti nell’archivio della famiglia Scarpetta rivelano anche il ruolo di pioniere che Vincenzo ebbe nel cinema italiano, grazia alla sua attività come autore e attore in pellicole mute. Maria Beatrice Cozzi Scarpetta accompagnerà in un viaggio alla riscoperta della figura poliedrica di Vincenzo Scarpetta (Napoli 1877-1952). Fratellastro di EduardoPeppino Titina De Filippo, Vincenzo è più noto al pubblico come attore brillante, ma la sua produzione artistica è in realtà molto ricca e variegata come dimostrano le tante commedie da lui scritte 9 delle quali sono state raccolte dall’autrice in due volumi editi da Liguori. 

21 Marzo 2018 21:01 - Ultimo aggiornamento: 21 Marzo 2018 21:01
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi