20 Settembre 2017 - Aggiornato alle 11:24
CRONACA
Napoli: Inferno senza fine sul Vesuvio, altri roghi e nube di fumo
12 Luglio 2017 15:30 — Continuano senza sosta gli interventi di spegnimento delle fiamme sul Vesuvio, chiusi tutti gli accessi al cratere

Continuano senza sosta gli interventi di spegnimento dei vasti incendi divampati ieri sul versante del Vesuvio, mentre restano chiusi tutti gli accessi al cratere. Un inferno che non accenna a diminuire e che si sposta di continuo, complice il caldo, le sterpaglie e soprattutto i nuovi focolai: tutti di origine dolosa. Intanto l'impressionante nube di fumo denso e di colore nero che si alza dalle fiamme è visibile da tutta Napoli. In azione vigili del fuoco, carabinieri forestali, personale della Regione Campania e circa trecento volontari della Protezione Civile, mentre dall'alto tre Canadair e cinque elicotteri sorvolano le aree di Ottaviano, Trecase e Torre del Greco, colpite ieri duramente dalle fiamme. Durante la notte sono stati effettuati presidi fissi nei pressi di ristoranti e abitazioni, dopo che ieri, soprattutto nelle prime ore del pomeriggio, si era lavorato per domare le fiamme alimentate dal vento. Nel pomeriggio di ieri, un vasto incendio ha distrutto la caserma della Guardia forestale di Trecase, dismessa da quattro anni. È stato sgomberato il residence «Le mimose» a quota 800 metri, dove erano ospitati una quarantina di migranti momentaneamente sistemati dalla prefettura sul Vesuvio. I migranti stanno tutti bene e sono stati sistemati in un'altra struttura, l'hotel Belvedere, che già ospita altri migranti. Il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti ha indetto per le ore 16 una riunione operativa presso il comune di Ottaviano, nella sede del Parco Nazionale del Vesuvio.

Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi