20 Settembre 2017 - Aggiornato alle 11:22
CRONACA
Napoli: Ischia, scoperti pescatori di frodo nell'area marina protetta. Sequestrata attrezzatura, 70 chili di ricci e multa da 18mila euro
25 Maggio 2017 10:06 —

Nella serata di ieri, intorno alle ore 21.00, a seguito di segnalazione di privato cittadino in ordine alla anomala presenza di subacquei in prossimità del litorale di Sant’Angelo, la Guardia Costiera è intervenuta con l’equipaggio della M/V CP807 presso il tratto di mare interessato, accertando la presenza di due pescatori sportivi subacquei di frodo con autorespiratore e con l’ausilio di un mezzo nautico di appoggio intenti alla raccolta indiscriminata di ricci di mare. I due giovani pescatori sportivi, originari di Pozzuoli, venivano accompagnati nel Porto di Ischia per gli accertamenti del caso. Tutto il materiale tecnico utilizzato per la cattura abusiva degli esemplari di prodotto ittico veniva sottoposto a sequestro amministrativo, il prodotto ittico, che ammontava a 70 kg. ancora in ottimo stato di conservazione, veniva invece rigettato in mare tramite mezzo nautico in un punto distante dal luogo dell'accertamento. Al subacqueo sorpreso in attività di pesca di frodo con autorespiratore venivano comminate sanzioni amministrative pari a circa 18,000 euro per la cattura di ricci in zona, tempi, modalità e quantitativi vietati secondo la legge in vigore che ha cambiato il sistema sanzionatorio in materia di pesca ed acquacoltura ed ha inasprito, inoltre, le sanzioni per la pesca sportiva nel caso di cattura giornaliera di prodotto eccedente i 5 kg. Infatti i nuovi importi partono da un minimo di 500 euro fino ad arrivare a un massimo di 50.000 euro. E' previsto un raddoppio della sanzione qualora la violazione riguardi esemplari di tonno rosso o pesce spada. L'applicazione delle sanzioni prevede che sia effettuata secondo criteri di proporzionalità. Infatti la nuova legge ha introdotto degli intervalli di peso del pescato, in modo da commisurare l'importo da pagare alla gravità dell'infrazione e quindi al prodotto ittico illecitamente pescato. Le nuove norme interessano ovviamente anche i commercianti che acquistino prodotti provenienti dalla pesca sportiva. Infatti per tale violazione è prevista anche la sanzione della sospensione dell'esercizio commerciale da 5 a 10 giorni lavorativi a carico del trasgressore. Inoltre, com'è noto la pesca sportiva del riccio di mare può essere praticata soltanto in apnea, con l'ausilio di un coltello e guanti con il palmo rinforzato. E' assolutamente vietato il prelievo di più di 50 esemplari di ricci per pescatore, vi è il divieto assoluto del prelievo dell'animale durante i mesi di maggio e giugno proprio per consentirne la riproduzione sotto costa e non si possono prelevare dall'ambiente marino ricci di una misura inferiore ai sette cm di diametro. Al pescatore di frodo è stata altresì contestata la violazione dell’art. 25 – Disciplina dell'attività di pesca sportiva – del Decreto Ministeriale 30 luglio 2009 "Approvazione del regolamento di esecuzione e di organizzazione dell'area marina protetta <<Regno di Nettuno>>”, formulato e adottato dall'Ente Gestore, il quale prevede il divieto della pesca subacquea sportiva, anche in apnea. L’occasione è utile, informa la Guardia Costiera, per ricordare che nella zone dell'Area Marina Protetta, l'attività di pesca sportiva è consentita solo previa autorizzazione dell'Ente Gestore. La Guardia Costiera di Ischia, auspicando una maggior sensibilità alla tutela del nostro mare, invita inoltre a far pervenire qualsivoglia tipo di segnalazione nel caso si dovessero riscontrare attività marittime anomale e di pesca professionale o sportiva in zone e tempi non consentiti.

Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi