13 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 19:44
CULTURA&SPETTACOLO
Napoli: Kairòs Edizioni presenta "Figlio ʼe ʼntrocchia" una selezione di modi di dire napoletani di Luciano Galassi
16 Novembre 2017 10:23 — Martedì 21 novembre 2017 alle ORE 17.30 - Libreria Raffaello Via Michele Kerbaker 35.

L’OPERA Un’altra “stazione” di quel viaggio affascinante che Luciano Galassi ha iniziato nel 2008 con i Wellerismi napoletani e che, libro dopo libro, lo ha portato a tracciare i segmenti essenziali di una mappa dei tòpoi del patrimonio culturale partenopeo. 

In questo volume, attraverso una selezione di modi di dire partenopei, si vanno ad approfondire temi relativi alla figura di Mastuggiorgio (è esistito o no?) e alla cura della pazzia a Napoli nei secoli XVI e XVII o alla reale esistenza del bastone di San Giuseppe (la mazzarella) presso l’istituzione di San Giuseppe dei Nudi o alla pratica di far denudare le natiche al debitore insolvente nel rito di rinuncia dei suoi beni in favore dei creditori (modalità nota nel popolo come zita bona), per citarne solo alcuni.     

Mai come in questo libro al linguista affidabile si è unito il ricercatore (ci è stato vietato di usare la parola “storico”) puntiglioso e scrupoloso nelle verifiche, e ciò, come nei ricordati casi di Mastuggiorgio e della mazzarella di San Giuseppe, ha determinato dei veri e propri colpi giornalistici con l’approdo a verità mai prima d’ora svelate.

L’AUTORE Luciano Galassi, manager a riposo, è appassionato di enigmistica, letteratura italiana del ’900 e napoletanistica. Tiene corsi di lingua spagnola di base presso: sede di Napoli dell’Associazione Nazionale “50&PIÚ”, sede UNITRE di Napoli Piazza Immacolata, Associazione Culturale “Eurios”. Nel 2013 si è classificato primo, per la Sezione Lingua, al Premio di Poesia “Raffaele Viviani” e nell’ottobre del 2015 l’Accademia di Alta Cultura “Europa 2000” gli ha conferito la Targa d’Onore Accademica per la cultura. Con la casa Editrice Kairós ha pubblicato: nella collana di saggistica “All’ombra del Vulcano”, i testi ’O mellone chino ’e fuoco, Acqua ’e maggio, Le zandraglie, Mannaggia Bubbà, Asso ’e coppe, Chianette e carocchie, Salùtame a sòreta, Wellerismi napoletani, Cucozze e caracazze; nella collana di narrativa “Storie di Megaride”, la raccolta di racconti Sigma più; nella collana di narrativa “Sherazade”, la sìlloge di racconti Venere all’incanto e il romanzo 101 sfumature di eros.

16 Novembre 2017 10:23 - Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2017 10:23
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi