21 Novembre 2018 - Aggiornato alle 12:35
SPORT
Napoli: L'infortunio di Meret cambia i piani di Ancelotti e De Laurentiis
27 Luglio 2018 21:30 —

A Dimaro, nella Val di Sole, il Napoli ha chiuso oggi il suo 18mo giorno di ritiro. Al mattino la squadra ha iniziato con esercizi di prevenzione infortuni in palestra, poi partitina con le porte piccole. Il lavoro, poi, è stato finalizzato alla fase offensiva prima che la sessione si chiudesse con una seduta tecnico tattica a tutto campo. Nel pomeriggio inizio di allenamento con riscaldamento a secco, poi esercitazioni tattiche divise in due fasi; prima fase dedicata al possesso palla e seconda fase con svolgimento di gioco attacco contro difesa. Chiusura con partitina a metà campo.
La nota stonata arriva da Zielinski. Il polacco, aggregatosi al gruppo a Dimaro dopo le ferie post-Mondiale, il polacco è finito ko; distorsione alla caviglia di primo grado per lui, fuori una o due settimane. L’inizio di campionato non dovrebbe essere a rischio, con cauto ottimismo da parte dello staff sanitario azzurro, considerato come le prime due di campionato saranno contro Lazio (all’Olimpico) e Milan nell’esordio casalingo.  Altra brutta tegola, dunque, per gli azzurri che perdono pezzi dopo l’infortunio di Meret arrivato nei primi giorni di ritiro (il portiere è già senza gesso in ritiro; Ancelotti, infatti, vuole il gruppo unito con gli infortunati presenti in ritiro). 
E proprio l’infortunio di Meret ha cambiato i pini sul mercato degli azzurri; Santiago Arias è extracomunitario, proprio come Guillermo Ochoa e la scelta – avendo un solo slot disponibile – è caduta sul portiere messicano, preferito a Francesco Bardi per il ruolo di terzo estremo difensore. Niente colombiano, quindi, ma Youssouf Sabaly per il ruolo di terzino. Il senegalese, infatti, ha anche passaporto francese ed è quindi comunitario; un punto a favore per il compagno di nazionale di Kalidou Koulibaly che, a differenza di Arias, può giocare su entrambe le fasce.  Ochoa, quindi, poi Sabaly a completare la rosa prima di regalarsi uno o due colpi, top player. Edinson Cavani ed Angel Di Maria; l’uruguaiano è il primo obiettivo, l’unico per l’attacco e continuano le trattative, soprattutto tra i due club, con il Napoli deciso a strappare qualche milione di sconto al PSG. Non ci saranno problemi, invece, per l’ingaggio del Matador. L’argentino, invece, potrebbe arrivare in caso di cessione di uno tra Callejon e Mertens; il PSG vuole cedere El Fideo, 30 milioni possono bastare e dalla Francia sono sicuri come sia proprio il Napoli in pole per l’ala, con Ancelotti a tessere le fila della trattativa. 
In città, intanto, i gruppi della Curva A hanno pesantemente contestato il Presidente De Laurentiis con una serie di striscioni apparsi in vari angoli della città. 

Giovanni Spinazzola 

27 Luglio 2018 21:30 - Ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2018 21:30
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi