15 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 23:57
POLITICA
Napoli: Lega, "De Magistris semina solo odio verso Salvini, pensi a dare risposte ai cittadini. La città sprofonda nel caos”
11 Giugno 2018 15:29 —

Una nuova e mortificante pagina di cattiva amministrazione firmata De Magistris. Il sindaco di Napoli si erge a paladino dei migranti e dimentica i tanti napoletani ghettizzati da una politica dell’odio nei confronti di Matteo Salvini. “Ricordiamo, senza speranza, che al sindaco lo stipendio non è pagato dai trafficanti di esseri umani ma dai napoletani che vorrebbero avere risposte in merito alle problematiche sui trasporti, scuola, sicurezza, viabilità, abusivismo. A questo sindaco, è chiaro ormai a tutti, non conviene parlare di queste cose. – spiega Simona Sapignoli, segretaria cittadina della Lega a Napoli - Preferisce parlare di amore e fratellanza mentre la città è agli ultimi posti per qualità della vita in Europa. Stiamo assistendo ad un vera e propria propaganda di odio nei confronti del ministro dell’Interno, colpevole solo di richiamare alle responsabilità sull’accoglienza gli altri paesi membri della UE.  La sua incapacità a gestire qualsiasi cosa  - continua l’esponente del carroccio - sta stancando tutti noi napoletani. Dal Vasto per gli immigrati, al Centro Storico o a Chiaia per la mancanza di regole sulla movida, per non parlare delle baby gang al Vomero o nelle periferie, questa città sta diventando un “tutti contro tutti” per mancanza di regole. Mentre i napoletani chiedono aiuto, lui si dice disposto ad accogliere altri 650 migranti. Un atteggiamento chiaro su quali siano le priorità per la sua amministrazione. Napoli merita di meglio. Lui è la risposta sbagliata alla gusta domanda di cambiamento”.

11 Giugno 2018 15:29 - Ultimo aggiornamento: 11 Giugno 2018 15:29
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi