14 Novembre 2019 - Aggiornato alle 14:32
SPORT
Napoli: Llorente, "sono molto felice di essere qui"
02 Settembre 2019 15:26 —

L’ufficialità è arrivata qualche ora fa ma era soltanto una formalità; Fernando Llorente è un nuovo calciatore del Napoli. Il bomber basco, classe ’85, ha firmato un contratto biennale da 2,5 milioni di euro a stagione e si metterà subito a disposizione di Carlo Ancelotti, per farsi trovare pronto in vista della terza giornata di Serie A, che vedrà gli azzurri debuttare al San Paolo contro la Sampdoria. L’attaccante, preso a parametro zero dopo essersi svincolato lo scorso giugno dal Tottenham, è il quinto acquisto della campagna di rafforzamento estiva dei partenopei e, con ogni probabilità, l’ultimo. James Rodriguez, infatti, appare un’utopia, considerate le poche ore al termine del mercato. Il Real Madrid, infatti, deve prima chiudere l’operazione relativa a Bruno Fernandes dallo Sporting Lisbona (se ne sta occupando Jorge Mendes, agente del lusitano come del colombiano) per poi eventualmente accettare l’idea di dare in prestito il sudamericano ai partenopei. Insomma, un giro vorticoso difficilmente realizzabile considerato il gong delle 22 per le trattative. Ancelotti, quindi, resterà senza il trequartista, senza il suo pupillo, fondamentale per il 4-2-3-1 varato in estate che aveva in James il perno imprescindibile. 
Ma chi è Fernando Llorente, il nuovo bomber del Napoli? È un centravanti fisico, statuario, con i suoi 195 cm di altezza per 90 kg; un calciatore in grado di tenere a bada i difensori avversari, capace di segnare e creare varchi con i compagni, portando via l’uomo o semplicemente agendo da centroboa regalando assist. Soprannominato El Rey León, è nato il 26 febbraio 1985 e vanta un Palmarès di tutto rispetto; due scudetti con la Juventus (2013/2014 e 2014/2015), una Coppa Italia (2014/2015), due Supercoppa Italiana (2013 e 2015), una Europa League con il Siviglia (2015/2016) ma soprattutto il Mondiale 2010 con la Spagna e l’Europeo del 2012 (battuta in finale l’Italia di Cesare Prandelli in Polonia-Ucraina). 
Inizia la sua carriera da professionista con la maglia dell’Athletic Bilbao debuttando il 16 gennaio 2005 contro l’Espanyol e le prime reti – tripletta – arrivano tre giorni più tardi in Copa del rey contro il Lanzarote. Le stagioni più prolifiche per lui con i baschi sono 2009/2010 (23 gol, 14 in campionato, una in Coppa del Re ed otto in Europa League), 2010/2011 (19 reti, 18 in Liga ed una in Copa del Re) e 2011/2012 (29 reti, 17 in Liga). Lascia il club basco dopo quasi nove stagioni collezionando 118 reti in 333 gare. 
Arriva in Italia, alla Juventus, nel giugno 2013 per volere di Conte e disputa due stagioni in bianconero; in totale 27 reti in 92 gare con il primo gol alla sua prima da titolare, il 22 settembre contro il Verona (assist di Vidal). Lascia la Juve nell’estate 2015 e si trasferisce al Siviglia dove vince l’Europa League collezionando sette reti in 36 presenze totali, mentre l’anno dopo vola in Premier League, allo Swansea, club gallese. Una sola stagione con 15 reti in 35 presenze prima del Tottenham che lo acquista per 13 milioni di euro. La prima rete con gli Spurs è in Champions League, datata 6 dicembre contro l’Apoel Nicosia ma il gol più importante – nelle due stagioni londinesi – lo realizza lo scorso 17 aprile; ritorno dei quarti di Champions League, derby con il Manchester City e rete del definitivo 4-3 che regala la qualificazione al Tottenham. 
In Nazionale debutta il 14 novembre 2008, giorno della sua prima convocazione, subentrando a Xavi al 70’; il primo gol, però, arriva qualche mese dopo, nel febbraio 2009 in amichevole contro l’Inghilterra. In rete pure nella Confederation Cup del 2009. In totale sette reti in 24 presenze con le Furie Rosse. In precedenza, con la Spagna U-20, cinque reti nel Mondiale di categoria nel 2005 che gli valsero la Scarpa d’Argento dietro ad un tale Lionel Messi.   
“Sono molto felice di iniziare questa nuova avventura con la squadra del Napoli! Sicuramente ci aspettano grandi momenti da vivere insieme, ed io farò del mio meglio per raggiungere tanti obiettivi importanti. Ringrazio i tifosi per l’affetto che mi avete dimostrato”, le sue parole pubblicate sull’account personale Twitter. 

Giovanni Spinazzola 

02 Settembre 2019 15:26 - Ultimo aggiornamento: 02 Settembre 2019 15:26
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi