17 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 02:31
POLITICA
Napoli: M5S, "Noi no stampella di De Magistris. Notizie false"
07 Agosto 2018 15:30 — Muscarà: “Non saremo stampella del sindaco della differenziata al palo, della mobilità flop, delle periferie dimenticate e dei fondi sottratti ai disabili”. Saiello: “Il nostro emendamento al Senato salva la città e commissaria il suo sindaco”. 

“Sono assolutamente destituite di ogni fondamento le voci che circolano su una presunta stampella M5S alla claudicante amministrazione targata Luigi De Magistris. Mai saremo al fianco del sindaco che ha sostituito più assessori che lampioni in bilico, che ha destituito in tempi da guinness validi amministratori della sua giunta per fare spazio a figure scendiletto, che ha fatto guadagnare a Napoli il titolo di “città zavorra” della Campania per una differenziata ancora ferma sotto la soglia del 30%, che ha tracciato una linea di demarcazione dalle periferie, che vivono di vita propria e del proprio degrado, e che ha fatto della capitale del Sud un unico eterno cantiere”. Così la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Maria Muscarà.

“Le uniche medaglie che De Magistris ha guadagnato in sette anni – dichiara Muscarà - sono medaglie del disonore. Dal fallimento di Anm, ai fondi sottratti a disabili e politiche sociali, ai parchi pubblici chiusi. Passando per le aliquote comunali al massimo, l’eterno cantiere di via Marina e il fallimento di Bagnoli Futura. Per non dimenticare il bike sharing, finanziato con due milioni di euro, ma mai operativo, con gli stalli tramutati a occasionali panchine e bici il cui destino è ignoto. La fine indecorosa del Collana, i semafori intelligenti a cui è stata destinata la quota prevista in origine per la mobilità sostenibile e il paradosso della pista ciclabile praticabile per lunghi tratti solo per la sosta degli abusivi, sono solo il condimento della gestione scellerata a cui è impensabile che vada il sostegno del Movimento 5 Stelle”.

Rincara la dose il capogruppo regionale Saiello: “Il nostro emendamento al Senato salva la città e commissaria il suo sindaco”.  “Il Movimento 5 Stelle non sarà mai alleato di un signore che in sette anni ha operato per spingere Napoli e i napoletani verso il baratro. Né è immaginabile l’ipotesi che M5S possa rendersi complice di una strategia che accompagni addirittura De Magistris a sedere sulla poltrona di governatore, rendendosi così correo dell’annunciato fallimento della terza Regione d’Italia. Il governo della Campania necessita di forze innovative come la nostra, che risollevino questa terra dal torpore generato dall’era del compromessi bassoliniani, dai clamorosi passi indietro compiuti in cinque anni di amministrazione di centrodestra e dalle nefandezze della gestione De Luca che ha assestato a questa regione il colpo di grazia”. Così il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle Gennaro Saiello.

“Il nostro emendamento votato al Senato – sottolinea Saiello - che consente al Comune di rimettere mano al piano di rientro dal debito senza incappare in sanzioni della Corte dei Conti, è una mano tesa alla città di Napoli e ai suoi abitanti. Ma che, di fatto, commissaria per l’ennesima volta un sindaco in eterna campagna elettorale del quale non possiamo che auspicare al più presto il congedo con disonore e l’uscita definitiva dalla scena politica e amministrativa. Napoli e la Campania non possono più permettersi amministratori che vivono di spot e mirabolanti annunci. Con questa gente da parte del Movimento 5 Stelle non c’è mai stato e mai potrà esserci alcun dialogo né collaborazione”.

07 Agosto 2018 15:30 - Ultimo aggiornamento: 07 Agosto 2018 15:30
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi