21 Novembre 2018 - Aggiornato alle 12:35
CRONACA
Napoli: Marano, due arresti per estorsione
07 Novembre 2018 12:25 —

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di De Fenza Celestino, 34enne di Marano di Napoli e Agrillo Antonio, 34enne di Quarto Flegreo, ritenuti responsabili dei delitti di estorsione aggravata da metodo e finalità mafiose ed associazione per delinquere di tipo mafioso di matrice camorristica. Gli ordini di arresto sono state notificate agli indagati che erano già detenuti nelle strutture carcerarie di Tolmezzo (UD) e Siracusa. Le attività, condotte, coordinate dalla D.D.A. di Napoli, sono state svolte da aprile ad agosto con lo scopo far luce sulle attività illecite del clan Orlando-Nuvoletta, egemone sul territorio di Marano di Napoli. L’indagine trae origine da servizi di osservazione che hanno consentito di documentare la consegna, dietro intimidazioni estorsive, di una somma di denaro agli indagati da parte di un imprenditore edile impegnato in lavori di ristrutturazione di un condominio. Gli estorsori al fine di accertare il reale valore dei lavori da “tassare” in percentuale avevano persino convocato l’amministratore del condominio interessato. I carabinieri delegati hanno effettuato minuziosi riscontri a supporto dei servizi di osservazione che, in uno alle attività tecniche, hanno portato il G.I.P. ad emettere gli ordini di arresto a loro carico. Agrillo Antonio è ritenuto storico affiliato e parte integrante del clan degli “Orlando” come conferma anche il suo recente arresto per minacce aggravate ai danni di familiari di un collaboratore di giustizia per indurlo a ritrattare. De Fenza Celestino, nipote di Esposito Luigi condannato per appartenenza al clan dei “Nuvoletta”, risulta esponente di rilievo degli “Orlando” come dimostra il suo arresto per estorsione ai danni di un imprenditore maranese.

07 Novembre 2018 12:25 - Ultimo aggiornamento: 07 Novembre 2018 12:25
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi