20 Maggio 2019 - Aggiornato alle 02:59
SPORT
Napoli: Mertens aggancia Maradona e per Ancelotti è intoccabile
29 Aprile 2019 16:09 —

Giornata di record e contestazioni. È accaduto di tutto a Frosinone, a cominciare dalla vittoria, con il Napoli che è tornato a conquistare il successo centrando la qualificazione aritmetica alla prossima Champions League, unica squadra italiana da 10 anni consecutivamente in Europa, come ha voluto rimarcare la società con un tweet sull’account ufficiale. L'affermazione, ma anche il record di Dries Mertens, con aggancio a Diego Maradona al terzo posto della classifica dei marcatori azzurri in Serie A. Il belga è arrivato a quota 81, come il Dio del Calcio, ed ora punta a Vojak ed Hamsik, gli unici due che gli stanno davanti. Probabilmente servirà la prossima stagione per agganciare la prima piazza, con “Ciro” che ha già fissato il suo obiettivo personale. Contestualmente, l’attaccante ha toccato quota 106 reti con la maglia del Napoli, a due lunghezze da Attila Sallustro terzo. Da un record all’altro, è stato anche il giorno di José Callejon. Capitano di giornata, lo spagnolo ha toccato quota 300 presenze con la maglia azzurra, un record che andava celebrato con un bel gol, ma i sogni si sono infranti sui pali della porta di Sportiello, prima quello destro, poi quello sinistro. Alla sesta stagione in azzurro, Calleti conta 218 presenze in Serie A, 62 nelle coppe europee e 20 nelle coppe nazionali, condite da 78 reti totali. Per l’esterno ex Real Madrid Napoli è ormai diventata una seconda casa; nella cara e vecchia Partenope sono nate le due figlie e la famiglia è felicissima di vivere all’ombra del Vesuvio. Per Ancelotti – proprio come è accaduto in precedenza a Sarri (lo volle Benitez) – è intoccabile ed il numero 7 è pronto a rinnovare il suo contratto e chiudere la sua carriera in azzurro. Ecco perché è stato davvero ingeneroso quanto accaduto al termine della gara; il Capitano si è avvicinato allo spicchio riservato ai tifosi napoletani ed ha lanciato la maglia, rispedita al mittente dai supporters, in contestazione con il presidente e la squadra. Il ragazzo è rimasto dispiaciuto, così come tutti i suoi compagni; per fortuna sui social è scattato il tam tam con messaggi di supporto a Callejon e tutto il gruppo. I risultati – è vero – non hanno portato ad alcun trofeo anche quest’anno, ma i calciatori hanno sempre sudato la maglia e sono i primi a voler vincere. Contestare è lecito, ma sempre nel pieno rispetto degli atleti e del tecnico che si è fatto sentire nella conferenza stampa postgara. Da censura, invece, il tentato scippo ai danni di Ounas da parte di alcuni tifosi del Frosinone così come la distruzione delle auto dei giornalisti al seguito del Napoli. Al peggio non c’è mai limite. La squadra, intanto, riprenderà gli allenamenti mercoledì, con Ancelotti che ha concesso due giorni di vacanza a tutto il gruppo. Dovranno sgobbare i soli Meret e Luperto, convocati da Roberto Mancini nello stage dell’Italia. 

Giovanni Spinazzola

29 Aprile 2019 16:09 - Ultimo aggiornamento: 29 Aprile 2019 16:09
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi