17 Giugno 2019 - Aggiornato alle 15:13
SPORT
Napoli: Mertens, qui è casa mia
10 Gennaio 2019 16:23 —

Dries Mertens, uno dei leader del Napoli, ha parlato ai microfoni della radio ufficiale azzurra. 
"A Napoli sono cresciuto, amo la città e mi sento a casa mia. Quando esco trovo il caffè, il pesce, la verdura. Tutti mi aiutano. Sono qui da 6 anni, la gente mi ha dato un affetto enorme e mi ha adottato come un napoletano vero. Sono felice di tutto questo amore che mi ha aiutato a maturare soprattutto come uomo. Per me Napoli oggi è una casa".
"Oltre a questo sono cresciuto anche sotto il profilo tecnico. Ricordo che nei primi anni giocavo di meno, poi gradualmente mi sono inserito ed affermato sempre di più fino a disputare gli ultimi due anni davvero alla grande. Io penso che in questi 6 anni sia cresciuta tutta la Società, la rosa e il gruppo. Abbiamo in squadra talenti assoluti e sono convinto che su questa strada potremo tagliare traguardi importanti in futuro".
C'è rammarico per la Champions?
"Non siamo stati fortunati, abbiamo disputato un girone bellissimo, abbiamo giocato un gran calcio e siamo usciti per un soffio affrontando a testa alta avversari fortissimi. Adesso punteremo alla Europa League perché possiamo arrivare lontano".
La Juve sembra irraggiungibile al momento. 
"Sicuramente loro hanno una grande potenza economica ed è difficile per tutte poter competere. Noi dobbiamo pensare al nostro cammino cercando di vincere quante più partite sarà possibile. Di certo manca un intero girone e proveremo ad avvicinarci alla Juventus. La scorsa stagione abbiamo dato battaglia fino alla fine e ci proveremo anche quest'anno".
Adesso si ricomincia dalla Coppa Italia.
"Sì, il Sassuolo è un avversario difficile e dovremo subito riprendere al massimo perché ci teniamo aa andare avanti anche in Coppa Italia".
La cucina napoletana?
Non so cucinare, sto imparando. Ma sto mangiando, quello è certo. Quando sono arrivato mangiavo tutti i giorni la mozzarella, ma non si può. Adesso mangio molto meno, ma bevo spesso il caffè di Tommaso.
Hai fatto gli auguri a Sarri? (il tecnico compie oggi 60 anni, ndr)
No, ma sa che gli voglio bene e gli auguro il meglio. Jorginho? Viene da lontano, siamo molto amici. Prima non aveva niente, ora ha tanto, ma non dimenticherà mai da dove è partito.
Un commento sul razzismo e il caso Koulibaly.
"Io conosco Kalidou e so quanto sia sensibile verso questo tema. Nello spogliatoio di San Siro l'ho visto affranto e triste, ma non per l'espulsione ma per aver avuto la sensazione di aver perso la battaglia contro i razzisti. Questo è un problema che riguarda tutti e che il calcio italiano deve risolvere al più presto".
Quanto è cresciuto Allan? 
"E' l'esempio giusto per dire che a Napoli si cresce tanto. Come Koulibaly, come altri calciatori. Siamo cresciuti tanto e per questo dobbiamo ringraziare il Napoli. Sono sicuro che tra cinque anni nessuno si spiegherà perché questa squadra non abbia vinto. La Juventus ha preso anche Ramsey adesso, il miglior giocatore dell'Arsenal. Lì ci sono calciatori che hanno già vinto, è difficile giocare contro di loro, ma noi siamo cresciuti. Da 7-8 anni c'è la Juventus ad un livello altissimo, ma noi dobbiamo continuare il nostro lavoro e non perdere il nostro obiettivo".

Qual è il gol più bello che hai segnato a Napoli? 
"Penso quello contro il Torino, un pallonetto è sempre speciale. Ho fatto diversi gol belli, si può dire".
Intanto la squadra ha svolto allenamento mattutino senza Dries Mertens; il belga, infatti, ha subìto una leggera distorsione ieri e ne risente ancora. Possibile che l’attaccante venga esonerato dalla gara di Coppa Italia, considerato anche come sarà fondamentale la sua presenza il 20 contro la Lazio, vista la squalifica di Insigne. Non si sono allenati anche Verdi perché influenzato ed Hamsik, reduce dall’infortunio patito nel giorno di Santo Stefano ed ancora alle prese con lavoro differenziato. Il resto della squadra ha iniziato la sessione con riscaldamento a secco, poi torello e lavoro tecnico. Chiusura con svolgimento di gioco, cross e tiri in porta.

Giovanni Spinazzola 

10 Gennaio 2019 16:23 - Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio 2019 16:23
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi