21 Ottobre 2021 - Aggiornato alle 12:25
CRONACA
Napoli: Minacce a Borrelli che documentava una edicola votiva nel Rione Salicelle ad Afragola
16 Settembre 2021 16:08 — Link al video.

Durante un sopralluogo al Rione Salicelle ad Afragola la sera del 15 settembre, con Fiorella Zabatta, coPresidente nazionale di Europa Verde., Salvatore Iavarone e Francesca Imbaldi coordinatori di Europa Verde per l’area nord di Napoli, ed il candidato sindaco Antonio Iazzaetta, il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli è stato vittima di minacce d di un tentativo di aggressione.

Il Consigliere Borrelli stava documentando un’edicola votiva abusiva dedicata a Daniele Stara, un 30enne con precedenti di droga, ucciso nel 2016 in agguato a Ponticelli sotto casa della fidanzata quando da un’abitazione vicina delle persone hanno intimato a Borrelli di non riprendere l’altarino di Stara in quanto ‘era un bravo ragazzo ucciso per sbaglio’. A quel punto uno di essi con fare minaccioso è sceso in strada dirigendosi verso Borrelli e il gruppo accompagnatore ma per fortuna la presenza delle forze dell’ordine ha fatto desistere l‘uomo dalle proprie intenzioni.

“Se non ci fosse stata la Polizia probabilmente avremmo subito l’ennesima aggressione. Questa del ‘bravo ragazzo’ è una favola che purtroppo certi ambienti e certi soggetti vogliono propinare in continuazione alla società per farsi vedere come vittime quando poi, per la stragrande maggioranza delle volte, è la società ad essere vittima degli abusi di queste persone. Nessuno dovrebbe morire ammazzato ma non ci si può sostituire alla magistratura e alle istituzioni decidendo chi sia innocente, chi un bravo ragazzo e chi vada ricordato ed omaggiato, soprattutto con opere non autorizzate. Se Stara sia stata una vittima innocente dovrà essere stabilito dagli inquirenti ma è certo che lui vivesse nel mito dei boss e dei camorristi questo proprio a causa di quella favola raccontata dalla cultura criminale che anche il suo altarino va a rinfoltire. È una cane che si morde la coda, piangono i morti ammazzati ma omaggiandoli non fanno altro che spingere altri ragazzi a perseguire la strada del crimine che inevitabilmente conduce o alla galera o alla morte.” – sono state le parole di Borrelli.

Link al video https://www.facebook.com/watch/?v=1871885462982958

16 Settembre 2021 16:08 - Ultimo aggiornamento: 16 Settembre 2021 16:08
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi