16 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:07
SPORT
Napoli: Mister X, se il sogno si chiama Ibra
10 Luglio 2017 09:06 — Non è Suarez, non è nè Chiesa nè Papu Gomez.

Nell’ottica di un tifoso, il mondo del calciomercato è sempre avvolto da una coltre di inconsapevolezza, curiosità, scommesse e speranze. Le caldi giornate di luglio scorrono nella loro normale routine, ed il peso dell’afa estiva viene scosso dalle frenetiche voci che ruotano intorno ai club. Per tali ragioni, il messaggio lanciato durante la fine della scorsa settimana dal Presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, circa il possibile arrivo di un segreto Mister X, ha cominciato a risuonare nella mente di tutti i tifosi. Dunque, gli addetti ai lavori hanno deciso di indagare, raccogliere informazioni, cercare di capire cosa può essere sfuggito all’occhio attento dei media, mentre i tifosi hanno iniziato a riflettere, pensare, o addirittura sperare. Ebbene, in pochi giorni sono diversi i nomi usciti da quel cilindro che rappresenta un mix di possibilità e speranza, da Chiesa al Papu Gomez, ma in realtà ce n’è uno che davvero potrebbe rappresentare un sogno non del tutto irrealizzabile. Si tratta di lui, l’uomo dello scudetto, per lo meno in Italia, ovvero di Zlatan Ibrahimovic’. Nonostante i suoi 35 anni, infatti, l’attaccante svedese potrebbe rappresentare quell’arma in più necessaria ai partenopei per raggiungere il tanto agognato scudetto. Difatti, anche se i rumors parlano di un possibile rinnovo contrattuale con lo United nel prossimo gennaio, i recenti screzi tra i diavoli rossi ed il calciatore aprono ad uno scenario di cambiamento. Per il Napoli, malgrado il pesante infortunio subito, Zlatan potrebbe rivelarsi un asso nella manica non di poco conto. Nessuno può difatti immaginare quanti goal lo svedese potrebbe mettere a segno nell’attacco perfettamente congegnato da Maurizio Sarri. Inoltre, la velocità di Mertens potrebbe lasciar spazio finanche ad una modifica di modulo, con l’ipotesi di vederli giocare assieme lì davanti. La tecnica, la potenza e l’esperienza di Ibra sarebbero un quid pluris ineguagliabile, soprattutto se si considerano gli attaccanti disponibili sul mercato oggi. Inoltre, con Zapata, Giaccherini e Pavoletti in partenza, un altro innesto in attacco diventerebbe quasi necessario. Dunque, considerato che Ibra da sempre ha più volte sottolineato il piacere che nutrirebbe di giocare nel Napoli, ogni congettura, analisi o sogno diventa all’improvviso legittimo. Chissà che il Presidente De Laurentiis non ci darà ragione.

G.Kennan

Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi