08 Dicembre 2022 - Aggiornato alle 16:34
VARIE

Napoli: Nuovo farmaco alla Federico II

02 Ottobre 2022 20:19 —

Nuove frontiere e speranze si aprono alla Federico II per la cura dei pazienti con Insufficienza Cardiaca. Il team guidato dal prof. Cittadini (Ordinario di medicina interna, direttore della UOC di Medicina Interna ad indirizzo metabolico riabilitativo) è stato il primo in Italia a prescrivere il vericiguat, un innovativo farmaco per i pazienti affetti da scompenso cardiaco avanzato.

Il Vericiguat è un inibitore solubile della guanilato ciclasi, recentemente testato nello studio Victoria su circa 5000 pazienti dimostrando una riduzione della mortalità e delle ospedalizzazioni.

Il paziente in questione è già seguito da anni presso il day hospital di medicina interna e riabilitazione cardiovascolare facente parte dell’unità diretta del prof. Cittadini. Il responsabile di tale day hospital è il dott. Marra, cervello in fuga rientrato dalla Germania dove ha studiato per anni questa classe di farmaci.

Il vericiguat è proprio indicato in quei pazienti con scompenso cardiaco che hanno ricevuto almeno un’ospedalizzazione negli ultimi 6 mesi. Il paziente in questione, uomo di 82 anni, è stato infatti ricoverato presso la AOU “Federico II” per un grave peggioramento della sua malattia presso la UOC di Terapia Medicina Sub-intesiva diretta dal prof. Pasquale Abete, nell’ambito della forte collaborazione fra unità operative nell’ambito del nascituro dipartimento assistenziale integrato di medicina interna e della complessità.

Tale farmaco sembrerebbe essere particolarmente efficace nei pazienti che presentano anche peggioramento della funzione renale dovuto alla patologia cardiaca. Il lavoro di squadra, l’utilizzo delle terapie più innovative grazie anche alle competenze di giovani menti rientrate dall’estero sono uno dei punti di forza della AOU Federico II nel garantire ai pazienti la migliore è più adeguata  terapia possibile.

02 Ottobre 2022 20:19 - Ultimo aggiornamento: 02 Ottobre 2022 20:19
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi