18 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 19:38
CULTURA&SPETTACOLO
Napoli: Pienone per il XXIII Concerto di Capodanno della Nuova Orchestra Scarlatti “Napoli, Parigi, Vienna”
02 Gennaio 2018 12:06 —

In tantissimi, napoletani e non, hanno riempito il Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare di Napoli per assistere e applaudire all’ormai consueto Concerto di Capodanno (quella appena trascorsa è la XXIII edizione) della Nuova Orchestra Scarlatti, uno degli appuntamenti ormai fissi del cartellone delle festività partenopee per il nuovo anno. Al concerto, organizzato con il supporto del Comune di Napoli, hanno partecipato diversi rappresentanti delle istituzioni locali, tra cui il sindaco Luigi de Magistris: “Orchestra spettacolare, pubblico entusiasta. La contaminazione tra Napoli, Parigi e Vienna ha rappresentato davvero un bell'inizio d'anno. Un grazie particolare al maestro Gaetano Russo, anima di questo gioiello tutto napoletano”. “'Napoli, Parigi, Vienna”, questo il titolo scelto per questa edizione, è stato un felice confronto tra capitali europee della musica, arricchito da due giovani e belle voci partenopee, il soprano Naomi Rivieccio e il tenore Stefano Sorrentino, e con la direzione energica e puntualissima di Gianna Fratta. Celebri pagine di Strauss si sono alternate in un gioco continuo di richiami e di contrasti con canzoni napoletane, fra le più amate, in versione sinfonica, con il Suppé un po' italiano, un po' francese, un po' tedesco di Cavalleria leggera, la Giuliette di Gounod che ha cantato la sua voglia di vivere, il Can Can di Offenbach che ha suggellato la prima parte del programma tra applausi scroscianti. La seconda parte è stata un crescendo di entusiasmo: ancora il dorato mondo viennese con il Kaiserwalzer, poi Napoli tra la fiaba del Coro dei soldati di Roberto De Simone e la passione di un Core 'ngrato, molto applaudito nell'interpretazione di Sorrentino. Grande divertimento per un finale di programma dove a Olympia, la bambola meccanica dei Racconti di Hoffmann, incarnata da Naomi Rivieccio, bravissima e di straordinaria presenza scenica, ha fatto eco il Totò marionetta evocato dalla famosa marcetta di Totò a colori. Forti applausi sulle note scoppiettanti di Unter Donner und Blitz di Strauss e quattro bis: Tace il labbro, una Cicerenella che ha coinvolto l'intera orchestra insieme ai cantanti, e l'immancabile Radetzky Marsch a cui ha ribattuto un trascinante Surdato 'nnammurato in un tripudio di battimani e partecipazione corale del pubblico. “Anche quest’anno – afferma il direttore artistico della Nuova Scarlatti Gaetano Russo – siamo riusciti a offrire ai napoletani e ai tanti turisti, in particolare tedeschi, una proposta musicale variegata attingendo dalla ricca tradizione partenopea mescolandola con quella viennese e parigina. Tutto ciò a conclusione di un autunno importante per noi, con i Concerti tenuti a Napoli e la tournée cinese, operistica e sinfonica, suggellata dall’Oscar della Lirica di Hainan. Siamo soddisfatti e già a lavoro per le attività primaverili con la stessa forza e lo stesso vigore”.

02 Gennaio 2018 12:06 - Ultimo aggiornamento: 02 Gennaio 2018 12:06
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi