21 Novembre 2018 - Aggiornato alle 20:43
CRONACA
Napoli: Poliziotti camuffati tra i turisti in fila bloccano marocchino che aveva appena rubato un trolley dal vano portabagagli di un autobus diretto a Crotone
19 Luglio 2018 15:05 —

La costante attività di controllo del personale del Compartimento Polfer di Napoli ha portato, nel pomeriggio di ieri, all’arresto di SAHLI Mohammed Alì, marocchino, classe 1977, perché colto nella flagranza del reato di furto aggravato.

Gli Agenti, in borghese, camuffati tra i turisti, fingendo di fare la fila ai treni ed agli autobus, notavano il giovane aggirarsi con fare alquanto sospetto tra i numerosi viaggiatori in attesa degli autobus  presso lo stazionamento posto nel Parcheggio Metro Park.

Mentre i poliziotti  seguivano a distanza le sue mosse, l’uomo approfittando della distrazione della vigilanza del personale della compagnia di autolinee, riusciva ad impossessarsi di un trolley che era riposto all’interno del vano portabagagli di un autobus diretto a Crotone per poi allontanarsi velocemente, confondendosi tra i viaggiatori che occupavano il marciapiede.

I poliziotti tempestivamente lo inseguivano bloccandolo con ancora la valigia in mano. Il maltolto veniva restituito alla legittima proprietaria, una turista italiana.

Inoltre, quest’ultimo, privo di documenti, veniva accompagnato presso gli Uffici del Compartimento Polizia Ferroviaria di Napoli per gli accertamenti sulla sua identità. A seguito di rilievi foto dattiloscopici, a carico del marocchino emergevano numerosi alias e alcuni precedenti di polizia.

Contemporaneamente,  gli Agenti della Polfer hanno fermato e  denunciato  tre cittadini italiani, che, solitamente, utilizzano la Stazione di Napoli Centrale per la vendita abusiva di merce o per dormire a bordo dei treni, per resistenza oltraggio e minaccia a Pubblico Ufficiale.

Inoltre, venivano denunciati anche due cittadini di nazionalità straniera perché irregolari  sul territorio nazionale.

19 Luglio 2018 15:05 - Ultimo aggiornamento: 19 Luglio 2018 15:05
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi