27 Gennaio 2021 - Aggiornato alle 08:07
CRONACA
Napoli: Prefettura, consuntivo delle attività di contrasto al fenomeno dei roghi di rifiuti
30 Dicembre 2020 00:46 —

Nella serata di ieri, 29 dicembre 2020, si è tenuta presso la Prefettura di Napoli l’ultima riunione della Cabina di Regia “Terra dei fuochi”, per fare il punto sui risultati dell’anno che va a concludersi e per programmare le attività dei prossimi mesi.

Quanto ai primi, si sono costati i positivi risultati della maggiore attenzione posta sull’abbandono dei rifiuti, non soltanto da parte delle attività produttive ma anche dei privati su aree attigue agli insediamenti abitativi irregolari o su aree di abituale discarica abusiva; le quali sono diventate nel tempo delle vere e proprie discariche che esercitano una attività completamente illegale, e pericolosa, ma “professionalizzata”, di incenerimento periodico dei rifiuti accumulati.

La maggiore attenzione si è tradotta, soprattutto nell’ultimo trimestre, in un forte incremento dei controlli sugli sversamenti irregolari a fianco delle tradizionali verifiche sulle aziende (industriali, commerciali o agricole).

Un impulso decisivo a tali attività è stato impartito dai Prefetti di Napoli (coordinatore regionale) e di Caserta, mediante periodiche riunioni tecniche di coordinamento interprovinciale, e ha trovato un valido e innovativo supporto operativo nell’utilizzo dei droni ad ala fissa dell’Esercito (Contingente Strade sicure/Terra dei fuochi) e dei quadricotteri dell’Agenzia consortile dei comuni dell’Area nolana, che ha anche messo a disposizione della Cabina di regia le proprie strutture tecnologiche per le analisi dei dati raccolti (superfici, volumi e qualità delle discariche abusive). Altrettanto è adirsi dell’attività di sorvolo e mappatura area che sta svolgendo il R.O.A.N. (Reparto Operativo Aero-Navale) della Guardia di Finanza con il supporto tecnico-scientifico del Consorzio BENECON (Università Vanvitelli).

A terra hanno continuato a operare con impegno esemplare le forze di polizia statali (Polizia di Stato, Carabinieri e CC Forestali, Guardia di Finanza) e locali (Polizia metropolitana di Napoli e Polizie municipali di Napoli, Frattamaggiore, Marigliano, Saviano), nonché i Vigili del Fuoco e, a supporto, le ASL e le ARPA territorialmente competenti.

I risultati emergono chiaramente da questa tabella di raffronto fra il secondo semestre del 2020 e quello del precedente 2019 (il primo semestre di quest’anno è stato del tutto peculiare a causa del “lockdown” di primavera):

 

Risorse impiegate,  attività svolte e risultati conseguiti

II Semestre 2019

II Semestre 2020

Equipaggi fra Esercito e FFPP statali e locali:

191

610

Unità fra Esercito e FFPP statali e locali:

457

1.468

Attività produttive controllate:

96

186

Attività produttive sequestrate:

12

32

Attività produttive sanzionate:

0

42

Persone identificate/controllate:

370

1507

…delle quali: denunciate:

90

237

…delle quali: sanzionate:

12

31

Veicoli controllati:

371

851

...dei quali sequestrati:

298

252

Sanzioni amministrative elevate per un totale di:

€ 228.322,67

€ 794.657,99

Aree poste sotto sequestro per un totale di mq:

42.010

90.860

Rifiuti smaltiti illegalmente rinv.ti e seq.ti in Ton:

15,00

187,95

Roghi di rifiuti

1353

948

 

Quanto all’ultimo dato, quello dei roghi di rifiuti, si evidenzia soprattutto un fenomeno interno al semestre di riferimento, e cioè il drastico calo dei numeri negli ultimi mesi dell’anno: nell’ultimo trimestre del 2019 gli incendi sono stati 371; in quest’ultimo trimestre del 2020 il dato è di 255 incendi. Ancora più netto il dato di dicembre: fino alla data odierna soltanto 58 roghi, contro i 133 dello stesso mese del 2019.

La programmazione delle azioni di contrasto dei prossimi mesi, che ha natura riservata, sarà comunque diretta a incrementare i controlli e la vigilanza sugli abbandoni e conferimenti illegali di rifiuti, con ancor maggiore attenzione ai luoghi e alle attività illecite di abituale sversamento.

Si rende noto, infine, che nell’ambito dell’Accordo di programma stipulato ad agosto fra il Ministero dell’Ambiente, la Prefettura di Napoli, l’Incaricato e i comuni di Giugliano in Campania e Caivano, sono in corso di distribuzione 500 telecamere offerte dal Ministero – oltre che ai due comuni menzionati – a tutti gli altri della Terra dei fuochi che ne facciano richiesta.

Sempre in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente sono inoltre stati avviati dei confronti con i consorzi di filiera (ECOPNEUS, POLIECO, CDCRAEE e CONAI) per la creazione di centri o punti di raccolta gestiti direttamente e gratuitamente dagli stessi consorzi chiamati per legge al recupero dei materiali dai rifiuti riciclabili. 

30 Dicembre 2020 00:46 - Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2020 00:46
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi