15 Luglio 2018 - Aggiornato alle 23:01
CRONACA
Napoli: Rail Safe Day nella stazione centrale
07 Luglio 2018 16:37 —

Il Servizio Polizia Ferroviaria ha disposto, nella giornata di ieri, l’attuazione di un dispositivo di sicurezza, su scala nazionale, denominato RAIL SAFE DAY, con  controlli straordinari in ambito ferroviario su persone sospette, venditori ambulanti, passeggeri e bagagli, che il Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania ha effettuato in tutte le stazioni della Campania dove sono presenti presidi Polfer. Nell’ambito dei citati controlli gli agenti del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania hanno denunciato  un pregiudicato, sorpreso nei pressi delle biglietterie automatiche della Stazione di Napoli Centrale, mentre  tentava di truffare un viaggiatore. Seguendo un copione ormai noto alla Polfer, questi truffatori avvicinano i viaggiatori intenti ad acquistare i biglietti alle macchinette self service, proponendosi di fare il biglietto in loro vece, facendoli risparmiare. Attraverso il cosiddetto Pass” i malfattori inseriscono nella biglietteria automatica un numero di codice a caso,  ottenendo un biglietto che all’atto del controllo a bordo treno risulterà inutilizzabile. L’ignara vittima  per questo titolo di viaggio privo di validità del valore nominale di dieci euro, paga al truffatore una somma, in genere pari alla metà del costo del biglietto e viene tratto in inganno dalla presenza, sul biglietto stesso, della dicitura relativa al viaggio richiesto. Un sistema analogo è stato utilizzato da T.M., marocchino venticinquenne,  per raggirare un turista che stava acquistando un biglietto per Roma Termini  L’uomo si è frapposto tra l’acquirente e lo sportello self service, quasi di forza, offrendosi di completare in sua vece l’acquisto. Per concludere l’operazione si è fatto consegnare una banconota da 20 euro, per poi restituire all’acquirente il biglietto e il resto in monete di circa 3 euro. Mentre il turista contava il resto, l’uomo tentava di allontanarsi prima che gli potesse chiedere conto dell’ammanco. Il tempestivo intervento della Polizia Ferroviaria ha consentito di scoprire la truffa: il pregiudicato non solo  si era appropriato di 10 euro di resto, ma aveva consegnato al viaggiatore un biglietto valido per un ragazzo fino ai 15 anni di età, che ha un prezzo inferiore del 50%, rispetto a quello dell’equivalente titolo di viaggio per un adulto. Se non fosse prontamente intervenuta la pattuglia della Polfer insieme a personale di Protezione Aziendale  l’ignaro acquirente avrebbe intrapreso il viaggio con un  biglietto non valido. Accertata la dinamica dei fatti, confermata  dalla vittima in denuncia, l’uomo è stato denunciato in stato di libertà.

07 Luglio 2018 16:37 - Ultimo aggiornamento: 07 Luglio 2018 16:37
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi