21 Settembre 2017 - Aggiornato alle 01:56
CRONACA
Napoli: Rinvenuti cinque ordigni bellici lungo il litorale flegreo
30 Agosto 2017 14:16 —

Nei giorni scorsi, il Guardacoste G.117 SANNA in forza alla  Stazione Navale del Reparto Operativo Aeronavale di Napoli, nel corso di una crociera di sorveglianza, coadiuvato da personale specializzato appartenente al Nucleo Sommozzatori del II Reparto Tecnico di Supporto di Napoli/Nisida, ha individuato, nelle adiacenze dellArea Marina Protetta Parco Marino Flegreo e precisamente allinterno del campo mitili di Capo Miseno, 5 ordigni bellici riconducibili alla II^ Guerra Mondiale, adagiati sul fondale ad una profondità di circa 15 metri, costituenti serio pericolo per la pubblica incolumità, a causa del frequente passaggio di unità da diporto, pescatori sportivi e operatori dello stesso impianto di miticoltura.

La scoperta di ordigni bellici, accantonati per evidenti scopi criminali non è una novità, tanto che il Reparto navale della Guardia di Finanza è costantemente impegnato nel campo della prevenzione e del monitoraggio del litorale e dei fondali, ove di frequente avvengono rinvenimenti della specie. 

La competente Autorità Marittima, nello specifico lUfficio Locale Marittimo di Baia, immediatamente notiziata dellaccaduto, nelle more dellintervento di personale specializzato S.D.A.I (Servizio Difesa Antimezzi Insidiosi) della Marina Militare, ha disposto, con apposta ordinanza, linterdizione della navigazione nella zona interessata, per la tutela della pubblica sicurezza.

La presenza costante, nelle acque costiere della Campania, di unità navali ed aree del Reparto Operativo Aeronavale di Napoli della Guardia di Finanza, che operano per ladempimento dei compiti istituzionali di polizia economico - finanziaria sul mare e lungo la costa, garantisce non solo la prevenzione e repressione delle condotte illecite in genere ma anche la pronta disponibilità di intervento in casi di necessità, integrando efficacemente il dispositivo di sicurezza della navigazione e contribuendo alla riduzione, nel numero e nella gravità delle conseguenze, dei sinistri marittimi e delle varie forme di danno ambientale potenzialmente derivanti dal non corretto svolgimento delle attività umane in mare. 

Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi