15 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 23:29
CRONACA
Napoli: Scampia, arrestato 21enne ricercato per un tentato omicidio commesso a Francoforte in Germania
15 Settembre 2018 13:06 —

I Carabinieri della sezione “catturandi” del nucleo investigativo di Napoli hanno tratto in arresto Emanuele Tizzano, un 21enne incensurato di Scampia, su cui pendeva un mandato d’arresto europeo emesso in Germania per tentato omicidio e lesioni aggravate. I fatti risalgono al maggio 2018 e accaddero a Francoforte, dove l’arrestato lavorava come operaio. Quel giorno il 21enne si trovava nella stazione ferroviaria di Oberursel con la sua ragazza e stava attendendo il treno per Francoforte. Mentre aspettavano il convoglio Tizzano notò un uomo di origine pakistana baciare e scambiarsi visibilmente effusioni con la sua donna che vestiva il velo. Il 21enne percepì quel gesto come disgustoso e si avvicinò alla coppia chiedendo loro di smetterla visto che in stazione erano presenti anche bambini e donne e non era un comportamento consono: la vittima tuttavia, di risposta, mostrò al giovane il dito medio. Dopo pochi minuti arrivò il treno e vi salirono tutti a bordo. Durante la corsa Tizzano e il pakistano discussero e il primo mostrò all’altro un coltello che portava con sé, lo puntò al suo indirizzo e con l’indice mimò il gesto del taglio della gola. Alla stazione di Rodelheim scesero tutti e Tizzano e la futura vittima tornarono faccia a faccia. Il tono della discussione si elevò e i due afferrarono dei sassi dal letto dei binari lanciandoseli contro. Tizzano estrasse di nuovo il coltello e, nonostante dei passanti tentarono di trattenerlo bloccandogli il polso, il pakistano lo aizzò dicendo:-"on mi interessa, fammi sanguinare! fallo e basta! voglio vedere il mio sangue per terra!".  Pochi istanti dopo Tizzano lo raggiunse e lo colpì. lo pugnalò al torace ferendolo al diaframma, al fegato e ad un polmone, alla natica sinistra, alla coscia destra e nella mano destra. Poi fuggì lasciando dietro di sé la vittima gravemente ferita che urlava di dolore e si trascinò fino a crollare quasi esanime davanti a un negozio di parrucchiere dove venne prelevato da un’ambulanza. Ieri i Carabinieri hanno riconosciuto Tizzano su via Andrea Pazienza e lo hanno bloccato. Tratto in arresto, dopo le formalità è stato associato al carcere di Poggioreale.

15 Settembre 2018 13:06 - Ultimo aggiornamento: 15 Settembre 2018 13:06
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi