05 Dicembre 2021 - Aggiornato alle 18:32
SPORT
Napoli: Spalletti, "Vogliamo vincere questa partita"
20 Ottobre 2021 23:47 —

Luciano Spalletti, tecnico del Napoli, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara di Europa League contro il Legia Varsavia.

"Siamo fiduciosi perché abbiamo una rosa profonda che ci consente di poter stare in Europa League a lungo. Domani metterò in campo giocatori di qualità che daranno il massimo. Vogliamo vincere questa partita e abbiamo gli uomini per farlo. Ho una rosa attrezzata per giocare su tutti i fronti".

"Il Legia è una squadra che si chiude bene e poi riparte in velocità. Sono le caratteristiche che hanno permesso loro di essere al primo posto. Noi dovremo essere bravi a leggere bene la partita".

Capitolo turn over. “Non credo sia giusto parlare di turnover perché noi abbiamo un gruppo che ci permette di poter utilizzare tutti. Chi giocherà domani sarà titolare. Io non ho seconde linee ma titolari che vanno in campo a seconda delle esigenze e degli impegni. È offensivo sentir parlare di turnover. Io vi rispondo così: noi vogliamo ‘Passà o turn‘. Ad inizio stagione hanno giocato Meret, Manolas e Lobotka: significa che quelli che giocano ora fanno parte del turnover? Questo modo di dire va cambiato. Non è corretto parlare di turnover con questi calciatori. Allora Mertens gioca e parliamo di turnover? Se gioca Demme la stessa cosa?”

Rosa più forte mai allenata in carriera? "Questo non lo so, ma di certo gli ingredienti ci sono tutti affinché diventi un Napoli fortissimo. In carriera ho fatto tanti chilometri da tecnico, però devo dire che la qualità che c'è in questa squadra è tanta. Poi è chiaro che bisogna dimostrare in campo il valore. Dico che sono fiducioso perché questi ragazzi li vedo anche in allenamento non solo in partita e l'entusiasmo si raddoppia".

Rientro Mertens. "E' molto importante perché abbiamo bisogno di leader e di calciatori di talento. Ma è importante anche il rientro di Demme o quello di Lobotka. La ricchezza della rosa può fare la differenza nella stagione".

Osimhen titolare? "Domani non lo faccio giocare dall'inizio, però il ragazzo ha qualità atletiche che gli permettono di rigenerarsi subito. Coloro che andranno in campo sono competitivi per disputare una partita di forza e qualità. Vogliamo dedicare una bella serata ai nostri tifosi. Volevamo farlo anche con lo Spartak, cercheremo di riuscirci domani con tutto il nostro impegno".

Sulla sostituzione di Lozano contro il Torino: "Mancava un minuto e mi servivano forze in difesa per ribattere i lanci lunghi. Lozano ha reagito da campione, era dispiaciuto e lo capisco, ma il giorno dopo aveva lo stesso entusiasmo appena è arrivato all'allenamento. È un calciatore importante per noi".

In conferenza stampa, accanto al tecnico, presente anche Kalidou Koulibaly.

"Domani vogliamo vincere, ci vorrà forza e pazienza. Incontriamo una squadra esperta che sta al primo posto del girone. Domani ci aspetteranno per poi ripartire. Bisognerà avere pazienza ed essere solidi per cercare la vittoria. È un match assolutamente da vincere. Faremo di tutto per arrivare primi e qualificarci agli ottavi. In campionato stiamo andando benissimo, mentre in Europa ci serve un successo per cercare di conquistare il primo posto. Domani dovremo trovare la solidità che abbiamo in Italia anche in campo europeo. La squadra sta bene, può disputare una gara di qualità ma ci vorrà tantissima concentrazione. Bisogna restare coi piedi per terra pur consapevoli del nostro valore".

"Mi fa piacere che il mister mi chiami "comandante", ma in questa rosa ci sono tanti giocatori importanti. Sono anni che sono a Napoli e cerco di dare il massimo e ciò che mi chiede l'allenatore".

"Abbiamo uno spogliatoio unito e siamo molto carichi. Le vittorie aiutano a dare entusiasmo e forza per continuare la nostra strada. C'è un clima sereno, ci alleniamo con tanta intensità e dobbiamo dimostrare in campo sempre quello che possiamo dare".

"Questo è uno dei gruppi più forti in cui ho giocato. Spalletti ci ha dato tanta fiducia e sinora i risultati stanno arrivando. Ma nel calcio bisogna sempre guardare avanti senza mai fermarsi, perché sappiamo che ogni squadra ci aspetta sempre con maggiore attenzione".

Non è mancato il tema cori razzisti: "Sono episodi che fanno male. Dopo Firenze non ho dormito per due giorni. La battaglia al razzismo deve coinvolgere tutto il mondo, io personalmente la porta avanti da tempo. A me piacerebbe incontrare queste persone per dialogare e comprendere il motivo delle offese".

Giovanni Spinazzola

20 Ottobre 2021 23:47 - Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2021 23:47
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi