04 Aprile 2020 - Aggiornato alle 17:38
CRONACA
Napoli: Squadra Mobile arresta 11 persone per rapina aggravata, furto aggravato, lesioni personali, porto e detenzione di armi e cessione di sostanza stupefacente
20 Febbraio 2020 11:32 —

Nella mattinata odierna, su delega della Procura della Repubblica di Napoli, personale della Squadra Mobile ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa in data 7.2.2020 dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli, nei confronti di n.11 persone, traendo in arresto Maranta Fabio di 45 anni,  Maranta Vittorio di 28 anni, Ioia Umberto di 64 anni, Iafulli Ciro di 39 anni, Martusciello Mariano di 32 anni, Paolella Antonio di 37 anni, Scafaro Giuseppe di 47 anni, Baldi Nicola di 39 anni, De Stefano Marco di 31 anni,  Gaudino Antonio di 55 anni, gravemente indiziati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una serie di reati contro il patrimonio, rapina aggravata, furto aggravato, lesioni personali, porto e detenzione di armi, cessione di sostanza stupefacente. La misura cautelare compendia gli esiti di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, Settima Sezione, delegate alla Squadra Mobile - Sezione Reati Contro il Patrimonio– avviate a seguito di una rapina di un orologio di valore commessa, nel centro cittadino, il 28 maggio 2017, in danno di una turista straniera. Le indagini condotte nell’arco temporale luglio 2017 - gennaio 2018 hanno permesso di accertare l’esistenza di due diverse associazioni per delinquere finalizzate alla commissione di numerosi reati quali, rapine, furti con strappo, cessione di sostanza stupefacenti. In particolare, il primo sodalizio criminale, costituito dai fratelli Maranta Vittorio e Fabio, nonché da Ioia Umberto e Iafulli Ciro, aveva come attività principale la realizzazione di numerosi furti ai danni di automobilisti, consumati con la tecnica della “foratura dello pneumatico”. La vittima prescelta, infatti, era un automobilista, a cui i sodali, con precisi e definiti ruoli, foravano lo pneumatico dell’autovettura così mentre si trovava impegnata nelle operazioni di sostituzione della ruota, i citati soggetti, di volta in volta, ne approfittavano per sottrarre oggetti di valore ed effetti personali. Da una meticolosa attività di analisi e dalla visione dei filmati e dalle numerose individuazioni fotografiche, sono stati accertati 5 episodi di furti. Durante l’attività è stato, altresì, accertato che Iafulli Ciro era dedito anche alla cessione di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Il secondo gruppo criminale, costituito da Scafaro Giuseppe, Baldi Nicola, De Stefano Marco e Gaudino Antonio era, invece, specializzato nella commissione di furti con strappo e rapine di orologi di valore. Il modus operandi dei malviventi è ben delineato nei diversi episodi contestati. Infatti, individuata la vittima, quasi sempre un turista in giro per le strade del centro cittadino, i malviventi iniziavano il pedinamento della stessa - coaiddetta “filata” - organizzato in maniera minuziosa ed eseguito da soggetti sia a piedi che a bordo di scooter. Quando si accorgevano che la vittima era distratta, un complice interveniva eseguendo materialmente lo strappo del prezioso orologio dandosi poi alla fuga a bordo di un ciclomotore. Al gruppo in parola sono contestati rapine, lesioni personali e furto con strappo commessi dal mese di agosto 2017 a gennaio 2018. Infine, a Martusciello Mariano e Paolella Antonio, esperti rapinatori di orologi “Rolex” dei Quartieri Spagnoli, emersi nel corso delle indagini ma avulsi dai citati contesti associativi, sono stati contestati alcuni episodi criminali commessi in danno di turisti stranieri e in particolare due furti con strappo di orologi di valore, consumati tra agosto e settembre 2017.

20 Febbraio 2020 11:32 - Ultimo aggiornamento: 20 Febbraio 2020 11:32
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi