13 Agosto 2022 - Aggiornato alle 16:46
CRONACA
Napoli: Terra dei fuochi, report mese di giugno 2022
30 Giugno 2022 17:37 —

Dopo mesi di trend  positivo fra l’autunno del 2021 e la primavera del 2022, e in linea con una tendenza ormai pluriennale (dall’autunno 2020) alla diminuzione del numero di roghi di rifiuti nelle provincie di Napoli e Caserta, il mese di giugno appena trascorso riporta purtroppo a livelli di guardia il numero di roghi di rifiuti nella c.d. Terra dei fuochi: dopo i dati confortanti di Gennaio ’22 (64 roghi di rifiuti), Febbraio ’22 (63 roghi), marzo ’22 (90 roghi), aprile ’22 (57 roghi), già a maggio di quest’anno si sono registrati 102 roghi e in questo giugno 130 eventi incendiari. Di questi, 116 in provincia di Napoli e 24 in quella di Caserta, cui però vanno aggiunti, e menzionati quale elemento di novità, 3 roghi di rifiuti nel territorio pedemontano (Alife e Ailano), che non rientra nella perimetrazione della “Terra dei fuochi”.

Vero è che il dato è comunque in calo rispetto ai mesi di giugno degli anni precedenti, come si evince dal grafico riportato sotto. Tuttavia, non va sottaciuto il tendenziale rialzo dei valori, che impone il mantenimento di un’alta soglia di attenzione soprattutto nella presente stagione estiva, caratterizzata quest’anno anche dalle temperature assai elevate.

Come già registrato a maggio, ancor più aumentano (15 a giugno) i roghi nei territori dei comuni costieri (Mondragone, Castel Volturno, e Giugliano in Campania), confermando la stagionalità del fenomeno e la sua forte connessione con il numero dei dimoranti (il numero di roghi in aree urbane dove esistono carenze strutturali nel sistema di raccolta è direttamente proporzionale al numero dei residenti). Gli incendi presso i campi Rom sono stati il 9% del totale, e appaiono anche essi in aumento.

Anche nel mese appena trascorso si registra una relazione inversa – rispetto agli scorsi anni - fra il diminuire dei roghi e l’aumentare degli abbandoni: ciò perché l’azione di contrasto ai roghi da parte dell’apparato delle forze di polizia e del contingente militare “Terra dei fuochi” può essere efficace nella fase repressiva, ma non può rimuoverne le cause, che risiedono appunto in sversamenti e abbandoni sui quali può incidere soltanto un decisivo e complessivo miglioramento del ciclo dei rifiuti.

Dallo scorso mese di maggio si è adottato un nuovo modello di controlli sul territorio “a sorpresa”, sempre concentrati sulle attività di trasporto abusivo e scarico di rifiuti, ovviamente senza trascurare le attività e le filiere produttive. Oltre agli ottimi risultati ottenuti nel controllo e nel sequestro di veicoli e nel controllo delle persone, così come riportati dalla consueta tabella recante i dati di rilievo, si evidenzia ancora una volta il rilevantissimo incremento delle sanzioni, più che decuplicate da un anno all’altro, testimonianza di una attività di contrasto e prevenzione che si fa sempre più incisiva.

30 Giugno 2022 17:37 - Ultimo aggiornamento: 30 Giugno 2022 17:37
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi