13 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 19:43
CULTURA&SPETTACOLO
Napoli: Un Centro Campano per il coordinamento della progettazione europea per i finanziamenti alla ricerca
25 Novembre 2017 16:32 — La proposta di Marco Salvatore apre il nuovo ciclo di incontri tematici del Sabato delle Idee.

“I ricercatori italiani intercettano soltanto l’8,1% dei finanziamenti europei”. Parte da un dato decisamente allarmante l’intervento di Alberto Carotenuto, Rettore dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope” che ha ospitato nella sua sede dei percorsi di alta formazione a Villa Doria d’Angri il primo appuntamento del nuovo ciclo del Sabato delle Idee dedicato a “L’Italia del futuro in un mondo che cambia”.

Le ragioni del ritardo di un Paese che investe poco sulla ricerca le ha provate ad analizzare il presidente del CNR Massimo Inguscio che ha lanciato un grave allarme sull’ormai annoso tema della fuga dei cervelli all’estero. “Cresce sempre più - ha evidenziato Inguscio - il numero degli studenti che va a studiare all’estero, soprattutto in Gran Bretagna, già subito dopo il liceo”. Una tendenza confermata dal dato fornito dal presidente della CRUI, Gaetano Manfredi: “il 35% degli studenti cambia l’Università nel passaggio dalla triennale alla magistrale”. Un passaggio nel quale molti laureati meridionali vanno verso le Università del Nord e una buona fetta di studenti italiani va a studiare all’estero. “Un’esperienza di studio e di arricchimento umano che potrebbe anche rivelarsi positiva - ha sottolineato Inguscio - se poi l’Italia sapesse offrire delle chance per ritornare e invece la situazione è difficile perché manca la politica del reclutamento”.

La grande occasione dei finanziamenti europei e la proposta di Marco Salvatore per un Centro Campano di Coordinamento della progettazione europea per il finanziamento della ricerca.

Molto si potrebbe fare con le grandi opportunità offerte dalla progettazione europea come hanno evidenziato gli interventi di Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa e di Raffaele Calabrò, Rettore dell’Università Campus Bio-Medico di Romaele testimonianze di docenti e ricercatori intervenuti al dibattito coordinato dal direttore di Rai Vaticano, Massimo Milone. Di Ilaria Finore,ricercatore dell’Istituto di Chimica biomolecolare del CNR, Fatemeh Jalayer, professore associato di Tecnica delle costruzioni all’Università degli Studi di Napoli Federico II, Enrico Maria Surace, associate investigator del Tigem e Fabrizio Vecchi, direttore della Stazione Zoologica Anton Dohrn le testimonianze principali che hanno sottolineato come il vero problema sia appunto il dato di partenza citato dal Rettore Carotenuto: l’incapacità di tradurre il lavoro di ricerca in progetti che attraggano finanziamenti. E allora ecco la proposta del fondatore del Sabato delle Idee Marco Salvatore. Istituire un Centro Campano per il coordinamento della progettazione europea per i finanziamenti alla ricerca. “Spesso molti bravi ricercatori - ha spiegato Salvatore - incontrano difficoltà tecniche nella redazione dell’application form che inficiano l’approvazione dei progetti. Serve allora mettere insieme le migliori professionalità e i migliori esperti di Università e Centri di Ricerca della Campania per creare un centro di coordinamento generale che guidi i giovani ricercatori sia ad individuare i bandi più importanti a cui partecipare sia a seguire nel modo corretto tutto l’iter formale che porti alla redazione di un progetto in grado di meritare l’approvazione e quindi il finanziamento”.

25 Novembre 2017 16:32 - Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2017 16:32
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi