14 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 09:12
POLITICA
Pd: Sarracino, selezione dirigenti per meriti e non cordate. Portavoce mozione Orlando, torniamo essere strumento cambiamento
03 Settembre 2017 20:33 —

"Il Pd, specie al mezzogiorno ha il dovere di tornare ad essere uno strumento utile al cambiamento della vita delle persone. Al momento non veniamo percepiti in questo modo, anzi. Abbiamo infatti smesso di utilizzare criteri meritocratici nella selezione delle classi dirigenti, troppe volte inadeguate e impreparate dinnanzi le sfide che la modernita' impone". A dichiararlo e' Marco Sarracino, portavoce nazionale dell'area che fa capo al ministro della Giustizia Andre Orlando, durante un confronto alla festa nazionale dei Giovani Democratici con Piero De Luca, figlio del governatore campano. "Un tempo la sinistra era il mezzo attraverso il quale anche se eri figlio di un operaio o di un disoccupato, ti dava la possibilita' di autorappresentarti e diventare classe dirigente del paese. Oggi prevalgono la fedelta' e le cordate familiari rispetto al valore delle battaglie politiche: un meccanismo che umilia i tanti giovani che senza nessuno alle spalle provano ad impegnarsi nel Pd e che quindi va assolutamente cambiato", conclude Sarracino.

03 Settembre 2017 20:33 - Ultimo aggiornamento: 03 Settembre 2017 20:33
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi