06 Dicembre 2022 - Aggiornato alle 18:27
POLITICA

Renzi: “Letta aveva pensato di avermi fatto fuori dal Parlamento e che vendetta era compiuta. E' finita che si è fatto fuori da solo"

18 Novembre 2022 12:39 — Tutto nella Enews 844 di oggi venerdì 18 novembre 2022.

Buongiorno,

credo che sbagli chi fa polemica contro Giorgia Meloni per aver portato la figlia a Bali al G20. Io non ho portato i miei figli al G20 ma non metterò mai bocca su come Giorgia Meloni fa la madre. Anzi. Intervenendo in aula avevo espressamente chiesto a tutti di tenere al riparo le famiglie dalla polemica politica. Questo era stato il passaggio del mio intervento in Senato.

Io faccio opposizione alla premier Meloni, non alla mamma Meloni. E allora non parlo di sua figlia. Parlo delle contraddizioni di chi ha vinto le elezioni ma fatica a concretizzare ciò che aveva promesso.
Un esempio? Il reddito di cittadinanza. Avevano promesso che lo avrebbero abolito. Anzi: Meloni diceva in campagna elettorale che lei era l’unica a chiedere di abolirlo. Oggi tornano a parlare di semplici modifiche.
E poi i Rave party, lo scontro sui migranti, gli aerei di stato che anni fa chiedeva di vendere e che oggi giustamente usa. Presto se ne accorgeranno anche i cittadini. E spero che alle europee del 2024 siano conseguenti.

Sul libro. Molti mi dicono: Matteo ma perché un aggiornamento dopo appena sei mesi? Perché in questi sei mesi sul piano giudiziario è successo di tutto. I media di questo Paese lo hanno sottovalutato ma in questi sei mesi, ad esempio, sono stati assolti i miei genitori. Come pure il padre di Maria Elena Boschi. A proposito di famiglie mediaticamente massacrate, in questi sei mesi è successo di tutto ai nostri accusatori di Open.
E di questo si parla nel libro. Lo trovate qui

Ma si parla anche di politica nel libro. Ad esempio si racconta di una proposta choc e generosa che avevo fatto a Enrico Letta prima che la crisi precipitasse. 

La risposta di Letta non arriva da una telefonata o in un incontro ma da un pezzo che apre «Repubblica» del 22 luglio. Lo firma Stefano Cappellini. È uno di quei pezzi che non sono vere e proprie interviste ma che contengono la reale rappresentazione di ciò che il politico vuol dire o fare davvero. Nulla di male, è un modus operandi che spesso viene utilizzato da giornalisti di tutti i media e da politici di tutti i colori. Ma quando vedo Cappellini scrivere che Letta vuole tutti tranne Italia Viva lo stupore è pari solo alla voglia di reagire. Ma come: ti ho detto che ci sono, che ti do una mano, che se ti serve non mi ricandido e tu per tutta risposta mi fai leggere dai quotidiani che fai l’alleanza più aperta possibile ma con un solo veto: il veto a Italia Viva.
La ragione? Abbiamo un sondaggio di Pagnoncelli che ci dice che solo l’1% degli elettori del Pd vuole fare un accordo con te. Lo stesso sondaggista mi chiamerà qualche giorno dopo per scusarsi e mettermi a conoscenza del suo disagio: quel sondaggio non diceva ciò che le veline del Pd tiravano fuori per giustificare la nostra esclusione.
Il giorno dopo l’ufficio stampa del Pd spiega a tutte le altre redazioni che l’articolo di Cappellini, pur in assenza di virgolettati, rispecchia perfettamente il pensiero del segretario Letta.
Io non chiamo Enrico. E non mi faccio vivo. Dico ai miei: calmi. Lasciate fare. Hanno appena firmato il loro suicidio politico.
Poi il 23 luglio alle 11.57 Letta mi chiama. Io non sento la sua telefonata su whatsapp. Ci cerchiamo per un paio di volte. Alla fine ci parliamo nel pomeriggio. La telefonata dura meno di cinque minuti. Io non ho nulla da dirgli. Aspetto che parli lui.
«Ti volevo dire che nessuna decisione è presa e che l’articolo di Cappellini non è il mio pensiero.»
Gli rispondo: «Ma mi prendi in giro?». Glielo dico come un fiorentino deve dirlo a un pisano, ma sono frasi che non si possono scrivere in un libro. «Hai scelto, Enrico. Ma sappi che stai distruggendo il Pd e soprattutto stai dando il governo per cinque anni alla Meloni. Solo per un fatto di rancore personale.»
«No, ma niente è deciso. Ho la base che non ti vuole per gli screzi del passato.»
«La base che non mi vuole per gli screzi del passato è la stessa base cui chiederete di votare Di Maio, magari a Bibbiano. Ma che cosa stai dicendo? Ma per una volta nella tua vita prenditi una responsabilità. Di’ che preferisci perdere le elezioni pur di vendicare l’affronto che ritieni di aver subito nel 2014.»
«Sbagli, non ho niente di personale contro di te.»
Mi scappa una risata. Sono in giardino a casa con mia moglie che assiste stupita ma divertita a questo dialogo.
«Ti chiamo nei prossimi giorni» mi dice lui.
Sì, certo, come no. È l’ultima telefonata con Letta. Immagino che per lui sarà stata una liberazione. “Ho fatto fuori Renzi dal Parlamento” avrà pensato. Vendetta è fatta. Finirà che si è fatto fuori da solo.

Il resto lo trovate su Il Mostro 
Ci vediamo domenica sera da Massimo Giletti
E dal vivo a Firenze, Roma, Milano, Torino, Genova la prossima settimana (qui per prenotare)

Un sorriso, Matteo

18 Novembre 2022 12:39 - Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2022 12:39
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi