23 Luglio 2018 - Aggiornato alle 15:28
POLITICA
Renzi: Quando c'eravamo noi era "accaparramento di poltrone". Ora è "rappresentanza istituzionale"
29 Marzo 2018 19:04 —

"Chi ha vinto le elezioni si metterà d'accordo, prima o poi: del resto Cinque Stelle e Centrodestra stanno facendo accordi in tutti i passaggi istituzionali. Quando eravamo al Governo noi questa fase delicata della democrazia parlamentare si chiamava "accaparramento di poltrone". Ora che c'è un accordo che va da Berlusconi a Di Maio, passando per Salvini, per i centristi, per la Meloni (cinque forze, un nuovo pentapartito) si chiama "rappresentanza istituzionale". Quelli che quando c'eravamo noi gridavano nei talk contro gli inciuci, oggi vanno in TV a spiegare la necessità degli accordi che smentivano con forza prima delle elezioni. Guardiamo il positivo, amici. Il vocabolario della politica migliora: si passa dagli insulti ai toni istituzionali. E nelle aule del Parlamento il clima è molto più tranquillo. Noi abbiamo un'idea del futuro diversa rispetto agli estremisti e ai populisti. Lo abbiamo detto per tutta la campagna elettorale. Noi stiamo con l'Europa, non con Farage o la Le Pen. Noi stiamo con la scienza, non con chi lotta contro i vaccini. Noi siamo per il lavoro, non per l'assistenzialismo del reddito di cittadinanza. Noi siamo per abbassare le tasse a chi ha bisogno, non per la flat tax. Per questo motivo rispettiamo il voto degli elettori. E quando diciamo che rispettiamo il voto degli elettori intendiamo anche i nostri elettori. Cui abbiamo detto questo chiudendo la campagna elettorale. Mi ha colpito la commozione per la scomparsa di Fabrizio Frizzi. C'è sicuramente un tratto legato al dolore per la sua famiglia, per la piccola Stella figlia di cinque anni del conduttore TV scomparso. Ma c'è anche un affetto profondo, sincero, genuino per ciò che un professionista buono e capace rappresenta in questo tempo urlato e arrabbiato. Quando se ne vanno persone vere - in tutti i settori: penso anche all'allenatore Emiliano Mondonico, oggi, che voglio ricordare felice e appassionato magnifico messere al Calcio Storico di Firenze - scatta nel cuore profondo dell'opinione pubblica un sentimento di bellezza e di comunità che trovo vero e potente. L'Italia è un Paese pieno di valori, non di rancore, non di rabbia, non di odio. Non dimentichiamocelo mai. Forse la straordinaria partecipazione e commozione per Fabrizio Frizzi - che ha animato decine di iniziative di volontariato, di beneficenza, di sostegno alla ricerca - ci dice anche questo: non dimentichiamocelo mai." Così Matteo Renzi nella sua enews di oggi.

29 Marzo 2018 19:04 - Ultimo aggiornamento: 29 Marzo 2018 19:04
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi