15 Novembre 2019 - Aggiornato alle 22:19
SPORT
ROMA-NAPOLI: Passeggiata sui resti dei giallorossi
31 Marzo 2019 18:51 —

Il Napoli demolisce la Roma, passeggia sui resti dei giallorossi e conquista tre punti fondamentali per blindare la seconda piazza e la qualificazione in Champions League. Una gara a due facce, quella dell’Olimpico, con la squadra azzurra spettacolare nel primo tempo ma concreta, cinica e cattiva nella ripresa. Siamo entrati nel finale di stagione ma i ragazzi di Ancelotti sono pimpanti ed in forma, come dimostrano ampiamente i 90’ dell’Olimpico. La differenza tra le due formazioni, al momento, è nettissima, ma la differenza di motivazioni poteva tirare un brutto scherzo ai partenopei. La Roma aveva (ed ha) la necessità di far punti per entrare nelle prime quattro, il Napoli, invece, ha in pugno la qualificazione alla prossima Champions League e punterà tutto sull’Europa League, con la sfida con l’Arsenal sempre più vicina. Ed invece, proprio come chiesto da Ancelotti, la squadra è scesa in campo con il coltello tra i denti; partenza furiosa e gol alla prima azione ma un pressing asfissiante, con un dominio nel possesso palla incredibile. Roma annichilita, asfaltata, devastata, ma una supremazia non concretizzata con il secondo gol, con almeno due grandi occasioni sprecate, com’è ormai consuetudine per gli azzurri. Il gol incassato in pieno recupero – in una delle pochissime amnesie difensive – però, ha solo che rafforzato la mentalità e la consapevolezza della squadra partenopea. Il possesso palla è stato meno evidente ma la squadra si è scatenata, diventando un uragano per la Roma. Verdi – che già aveva regalato un assist delizioso a Milik – ha salito i giri del suo motore, ed ha chiuso la sfida con il 3-1 dopo il secondo vantaggio di Mertens. Il poker servito e calato da Younes ha poi messo il punto esclamativo su un pomeriggio di festa assoluta. Ha funzionato tutto in casa azzurra e, forse, i rimpianti per un margine che poteva essere inferiore rispetto al primo posto, vi sono tutti. Fabian Ruiz ha giganteggiato, padrone assoluto del centrocampo, Callejon è un calciatore magnifico, figlio del calcio totale olandese, sebbene non abbia mai vissuto quelle terre. Se Milik e Mertens sono ormai delle garanzie assolute, gli uomini più in forma in casa partenopea, appaiono decisamente in crescita le famose “riserve”; stiamo parlando di Verdi e Younes, entrambi in rete, ma anche di Ounas, capace di spaccare partita ed avversari con la sua velocità. L’ex Bologna ha ripagato la fiducia del tecnico con un gol ed un assist ma, soprattutto, una gara decisamente positiva, con l’unico neo l’occasione sprecata che poteva valere il 2-0. In crescita anche il tedesco, completamente recuperato dai problemi fisici ed ora arma in più nel finale di stagione. Ancelotti può essere decisamente soddisfatto; la coperta è corta, sempre di più, perché sono usciti acciaccati Hysaj e Mertens ma il Napoli è squadra vera. La migliore delle notizie in vista di questo finale di stagione entusiasmante ed impegnativo.

Giovanni Spinazzola

31 Marzo 2019 18:51 - Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2019 18:51
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi