15 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 16:38
SALUTE
Sanità: De Luca nominato Commissario. Si sblocca la Sanità in Campania
10 Luglio 2017 20:16 — ANAAO-ASSOMED: "Finalmente il ministro Lorenzin ha rotto gli indugi. Finalmente il governo si è ricordato dei cittadini campani". Ordine dei Medici: "Non era più rimandabile la decisione nell’interesse dei cittadini campani". SUMAI: "Ora riorganizzare la sanità campana".

Vincenzo De Luca alla fine l'ha spuntata. Il braccio di ferro con il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin è finito con la nomina del Governatore a Commissario della Sanità. De Luca del resto la prima battaglia l'aveva vinta quando aveva convinto Renzi ad inserire nella finanziaria l’emendamento che consente ai presidenti di Regione di diventare commissari nella Sanità, tant'è che fu battezzato "emendamento De Luca", stoppato prima in commissione Bilancio,e poi rientrato nella Finanziaria ed approvato il 22 novembre scorso. Oggi, dopo numerose polemiche, finalmente la nomina che mette fine a quasi quattro mesi di empasse nella sanità atteso che Polimeni si è dimesso il 3 aprile scorso ed i sub commissari rimasti non avevano potere di firma. Finisce una telenovela e non ci sono più alibi. Da oggi la Sanità in Campania deve davvero cambiare rotta come da sempre auspica il Governatore De Luca. «Finalmente il ministro Lorenzin ha rotto gli indugi nominando Vincenzo De Luca commissario ad Acta della Sanità. Finalmente il governo si è ricordato dei cittadini campani, ora però non ci sono più scuse». Queste le parole del segretario regionale Anaao Assomed Bruno Zuccarelli nel commentare la nomina arrivata da Roma. Per Zuccarelli «ora è il momento di iniziare ad affrontare i problemi, tanti, che questa regione, la sua Sanità, si trascina dietro. Ora – conclude il leader regionale Anaao – le chiacchiere stanno a zero. E’ bene che il neo commissario inizi da subito a lavorare per recuperare il tempo perso, e soprattutto sarà determinante evitare ogni tipo di polemica con il sub commissario, nell’interesse dei cittadini/pazienti». Dello stesso parere il Presidente dell'Ordine dei Medici di Napoli Silvestro Scotti: «Non era più rimandabile la decisione nell’interesse dei cittadini campani. Abbiamo appreso dello sblocco di uno stallo che durava ormai da troppo, una nomina fatta nell’interesse dei cittadini della nostra Regione e speriamo in una nuova stagione di rapporti tra Ministero della Salute e Regione Campania». Scotti avverte: «Ora non c’è più tempo per tergiversare. E’ evidente quali responsabilità siano legate a questa nomina, responsabilità, che va dato atto, il Governatore dall'inizio del suo mandato non ha mai rifiutato, sono certo che l’intera classe medica campana sarà pronta a fare squadra nell’interesse della salute dei cittadini se finalmente si superano le sole logiche economiche in sanità e si comincia ad investire su quelle assistenziali». “Una nomina che va nel senso di cio’ che ci aspettavamo e che sicuramente potra’ rilanciare nei prossimi mesi  la sanita’ campana senza che vi siano conflitti tra il commissario e la Regione come abbiamo, purtroppo, dovuto assistere in quest’ ultimo anno”. Queste le parole del segretario provinciale del Sumai nel commentare la nomina arrivata da Roma.  “Un sincero augurio di buon lavoro a De Luca, sperando che il neo commissario convochi al piu’ presto le parti sindacali per la riorganizzazione di tutte le attività sia territoriali che ospedaliere della sanità campana”.

Antonio Pianelli   

10 Luglio 2017 20:16 - Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2017 20:16
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi