13 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 06:48
POLITICA
Sanità: Lega, emendamento anti De Luca nel decreto Fisco. Per fine anno ripristinata l'incompatibilità
30 Novembre 2018 17:38 —

L'emendamento “anti–De Luca” che ripristina l’incompatibilità tra le cariche di Governatore della Regione e di Commissario di Governo è inserito nel decreto Fisco e la prossima settimana sarà all’esame della Camera e per fine anno sarà cancellata una norma che ha affidato per anni, nelle mani di un solo uomo, troppo potere gestionale innescando di fatto un conflitto di interesse, poiché consentiva allo stesso soggetto di ricoprire nel contempo i ruoli di controllore e controllato. Una norma disegnata ad personam per lo stesso De Luca e approvata dal governo ‘amico’ guidato allora dal premier Matteo Renzi. E non è un caso che durante la votazione parlamentare da esprimere parere sfavorevole all’emendamento sia stato lo stesso PD .

“Il governatore De Luca - spiega una nota del portavoce della Lega in Campania -  nonostante la concentrazione di potere sulla Sanità ricevuta, con il suo operato, ha risolto ben poche questioni. Tante le criticità che hanno continuato ad aggravarsi in disfunzioni e sprechi di denaro pubblico; basti pensare all’ultimo scandalo per l’acquisto di apparecchiature salvavita e l’assoluta mancanza di controlli nelle procedure di appalto, per noi parlare degli scandali di cronaca del reparto chiuso per la festa del primario o la presenza di formiche ritrovate sulla paziente intubata all’ospedale San Giovanni Bosco. Assistiamo al collasso della Sanità con strutture e reparti ospedalieri chiusi senza una effettiva razionalizzazione delle risorse né tanto meno un’adeguata e parallela riorganizzazione sostitutiva di tali servizi.  – continuano dal coordinamento cittadino  - Inappropriata la pioggia di nomine di primariati senza rispettare la relativa normativa vigente, nomine fatte senza una concreta valutazione di merito e competenza ma in odore di logiche clientelari”.

“Una vera tempesta si è abbattuta sulla Campania, la Sanità merita una gestione che onori i secoli di buona sanità. A discapito della cattiva gestione di questi anni - spiega il segratario cittadino della Lega,  Simona Sapignoli -  Un flagello che si abbatte sui cittadini quello della sanità accreditata che a Napoli continua a essere un servizio non continuativo ma quasi semestrale, in riferimento ai servizi di laboratori di analisi e di radiologia; branche che continuano a lavorare solo 7 mesi l’anno con gravi disagi per i malati e ledendo i diritti alla salute della cittadinanza napoletana, tale situazione di endemica sofferenza economica delle aziende accreditate crea vantaggi speculativi ai grandi gruppi finanziari stranieri che continuano a fare shopping di aziende campane e napoletane con ricadute negative sui i livelli di occupazione del settore”.

Tutta questa situazione ha fatto precipitare la Sanità Campana all’ultimo posto del Paese. Il Coordinamento Lega Sanità Napoli auspica per la nomina del nuovo commissario da parte del Governo del Cambiamento un profilo con una forte conoscenza del settore sanitario e delle sue problematiche che possa implementare un serio piano di riorganizzazione di tutti i presidi sanitari e ospedalieri; una redistribuzione delle risorse equa e funzionale nella Sanità accreditata, che ponga ordine nelle nomine dei primariati indicendo nuovi concorsi che escano fuori da logiche politico-clintelari e familistiche ma che valutino effettivamente il merito e la competenza professionale, affinchè il Cambiamento possa ripartire anche in Campania.

La Lega è pronta a sostenere l’operato del nuovo Commissario auspicando che vada in tale direzione, dando l’avvio a nuova politica realmente risolutiva delle piaghe che ancora affliggono il sistema sanitario campano.

 

 

30 Novembre 2018 17:38 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre 2018 17:38
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi