21 Novembre 2018 - Aggiornato alle 13:41
SALUTE
Sanità: M5S, "Grazie al nostro Governo il Monaldi tornerà un’eccellenza”
16 Luglio 2018 18:52 — Castellone: “Tre mesi fa nostra ispezione nel reparto”.

“Finalmente un Governo che ha realmente a cuore la salute dei nostri figli. Facendo seguire immediatamente fatti agli annunci, a meno di una settimana dalla sua visita negli ospedali della Campania, il ministro della Salute Giulia Grillo ha inviato questa mattina gli ispettori del ministero all’ospedale Monaldi per far luce, una volta per tutte, su uno stato di disorganizzazione gestionale che sarebbe all’origine di un declassamento della qualità dell’assistenza. Una situazione che si protrae da anni, con un incremento del tasso di mortalità dei trapiantati, fino a comportare la sospensione, due anni fa, del Centro trapiantologico pediatrico”. E’ quanto dichiara la senatrice del Movimento 5 Stelle e componente della commissione Sanità Maria Domenica Castellone.

“Lo scorso mese di aprile – ricorda Castellone - con una delegazione di colleghi parlamentari e con la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione speciale Trasparenza Valeria Ciarambino, a seguito di uno sciopero della fame dei genitori dei trapiantati, abbiamo effettuato un’ispezione al Monaldi, constatando l’assenza di presidi pediatrici e la presenza di bambini trapiantati in stanze con persone anziane. In quello stesso reparto di cardiochirurgia adulti abbiamo constatato l’assenza di mezzi, attrezzature e personale adeguato all’assistenza dei piccoli pazienti. Una situazione da anni puntualmente denunciata dai nostri consiglieri regionali e dal comitato dei genitori dei trapiantati. Con l’impegno del nostro Governo, concretizzatosi oggi con l’invio di ispettori ministeriali, siamo certi che saranno adottati al più presto i necessari provvedimenti perché il Monaldi possa tornare ad essere un centro di eccellenza. Una struttura per anni vanto della nostra regione e punto di riferimento in tutto il paese nelle emergenze cardiochirurgiche e nel trattamento delle cardiopatie congenite”.

16 Luglio 2018 18:52 - Ultimo aggiornamento: 16 Luglio 2018 18:52
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi