19 Ottobre 2019 - Aggiornato alle 08:39
SPORT
Universiadi: Un oro, due argenti ed un bronzo nel decimo giorno
14 Luglio 2019 08:57 —

Un oro, due argenti ed un bronzo nel decimo giorno delle Universiadi di Napoli 2019. Il sesto posto nel medagliere è ormai consolidato (14 ori, 13 argenti e 16 bronzi), la Corea del Sud – quinta – irraggiungibile considerati i tre ori di vantaggio.
L’oro è arrivato dai ragazzi della pallavolo; in finale battuta la Polonia al tie break, dopo una partita tiratissima e pure sul punto di essere persa. Il primo set è stato vinto dai polacchi (25-16) e nel secondo è arrivata la pronta risposta degli azzurri (25-20) abili a riportare in parità la sfida. Polonia ancora avanti nel terzo set (25-22) riacciuffata nuovamente dall’Italia nel quarto (25-23) quando si è sfiorato lo psicodramma; nelle fasi finali del set, infatti, sperperati sei punti di vantaggio fino a permettere ai polacchi di rientrare in partita (23-23) prima di portare a casa il parziale con un ace arrivato nel momento giusto. Grande equilibrio, invece, nel quinto set (15-10) con gli azzurri che hanno poi preso il largo andando a conquistare la medaglia più importante in un Pala Sele gremito.  
L’argento è arrivato da Alessia Russo nella ginnastica ritmica; l’azzurra ha centrato la medaglia nella specialità “fiocco (o nastro, se preferite)” chiudendo il programma con uno straordinario 18.700; nulla, però, ha potuto contro Ekaterina Selezneva – capace di vincere tre ori ed un bronzo solo oggi - (20.450 il suo punteggio), davvero impressionante ed irraggiungibile. L’azzurra ha, però, eseguito un esercizio perfetto, senza sbavature, tra il tifo del Pala Vesuvio davvero impressionante e gremito per l’occasione. 
Il secondo argento è stato conquistato dall’Italia di pallanuoto femminile che ha perso la finale per l’oro al cospetto dell’Ungheria (ve la raccontiamo a parte), per un’altra amara delusione dopo quella della pallavolo femminile di ieri. 
Il bronzo, invece, è arrivato dall’Italia del calcio maschile; gli azzurrini, dopo aver perso ai rigori la semifinale con il Giappone, hanno superato la Russia nella finalina ai penalty dopo il 2-2 al 90’. Azzurrini che, in doppio vantaggio con le reti di Zonta al 13’ (su rigore) e Galeandro (34’), hanno subìto la rimonta nella ripresa con le reti di Salamatov al 67’ (su rigore anche lui) e Pogorelov al 93’, con i russi ridotti in 10 per l’espulsione di Masalskoe al 90’. Sbrissa, Ruzzittu, Mercadante e Strada in gol per gli azzurri, con unico errore di Collodel (era il terzo tentativo, parato dal portiere); Yusupov, Nasyrov e Kirsanov hanno invece realizzato per la Russia, con errori di Kuftin (parato) e Salamatov (traversa). 
Un disastro l’atletica; nella mezza maratona maschile quinto posto per Ilias Aouani (1:06:52) ed ottavo per Alessandro Giacobazzi (1:07:56) in una finale dominata dal Giappone che conquistano i primi tre posti (Aizawa 1:05:15 davanti a Nakamura 1:05:27 e Ito 1:05.48). Nella finale degli 800 metri maschili, invece, quinto Enrico Riccobon (1:48.58) nella gara vinta dall’algerino Belbachir (1:47.02) davanti al marocchino Zahafi (1:47.64) ed al ceco Hodbod (1:47:97).  
Nella pallanuoto, invece, qualificazione alla finale per l’oro dell’Italia; gli azzurri hanno battuto – anzi, schiantato – la Russia con un netto 14-6 (4-1, 3-2, 3-0 e 4-3 i parziali) e sfideranno gli Stati Uniti nella finale di domani, ultima gara di questa edizione delle Universiadi.  

Giovanni Spinazzola 

14 Luglio 2019 08:57 - Ultimo aggiornamento: 14 Luglio 2019 08:57
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi